MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bellezza   Chirurgia Estetica  

Addome gonfio post partum: Diastasi, riconoscerla e capire come intervenire

Dott Alessandro Morelli Coghi – Chirurgo plastico
Dott. Alessandro MORELLI COGHI
 06 Giugno 2019

Succede frequentemente ma non è una patologia ancora così nota e diagnosticata

Quando dopo il parto, a distanza di 6/12 mesi, la pancia rimane visibilmente “gonfia”, potrebbe trattarsi di Diastasi addominale. 

Una situazione che colpisce molte donne, anche alla prima gravidanza, ma non viene sempre riconosciuta.

Ne parliamo oggi con il Dottor Morelli Coghi per capire cosa fare, come individuare la problematica e conoscerne la soluzione.

 

Dottor Morelli, innanzitutto: diastasi addominale di cosa si tratta e qual è la causa?

La diastasi dei muscoli retti addominali è una condizione derivante dall'allontanamento dei due ventri muscolari rispetto alla linea mediana e centrale dove normalmente si trovano uniti. Questo genera un progressivo indebolimento della parete addominale, che porta non solo ad un evidente inestetismo quale la prominenza addominale, ma anche notevoli problemi di carattere posturale. La condizione più frequentemente associata alla diastasi muscolare è la gravidanza, specie se gemellare.

 

Come avviene la diagnosi (si può parlare di auto diagnosi)?

Intanto ci tengo a sottolineare che si tratta di una situazione che spesso non viene riconosciuta: ancora oggi molte donne non sanno di esserne affette. Per questo l'autoanalisi è fondamentale e un elemento molto semplice, che può aiutare a capire, è valutare il proprio ombelico: se è mal definito e un po' all'infuori, è un segno tipico della diastasi.

 

In caso di distasi accertata, è pericoloso cercare un’altra gravidanza?

Assolutamente no, si può senz'altro avere una gravidanza anche in presenza di diastasi muscolare. Il problema è che la situazione potrebbe aggravarsi ulteriormente, ma non a discapito della gestazione.

 

Dottor Morelli, l’alimentazione può aiutare ad evitare la formazione della distasi o un peggioramento della stessa?

Dunque, un'alimentazione corretta ed equilibrata evita che l'addome si gonfi eccessivamente e quindi aiuta a non peggiorare la situazione ed a contenerne i sintomi fastidiosi. Ma è altresì doveroso mettere in chiaro che da sola purtroppo non può risolvere il problema.

 

Quindi, a chi rivolgersi per capire cosa fare?

Per prima cosa la paziente dovrebbe eseguire una ecografia, che accerti la diastasi e ne determini la gravità e dopodiché  deve rivolgersi a uno Specialista in chirurgia plastica, competente, per valutare l'opportunità di un intervento correttivo.

 

Quando operare?

L'intervento è sempre indicato, mi spiego: la diastasi genera uno squilibrio tra i muscoli della parete addominale (indebolita) e i muscoli glutei. Il lavoro sinergico di questi muscoli detti stabilizzatori consente la corretta postura durante la stazione eretta e l’alterazione di questo equilibrio significa andare incontro a significativi problemi di rachialgie e lombalgie. Inoltre, nei casi più gravi, anche il transito intestinale può risultare compromesso.


 

Qual è il post operatorio?

il post operatorio prevede il riposo per un tempo variabile tra 10 e 15 giorni, ma soprattutto la necessità di indossare una ventriera elasto-compressiva per 30 giorni. Sottolineo che la cicatrice che deriva dalla operazione correttiva è situata in regione sovrapubica, quindi sostanzialmente occultabile con uno slip anche se piccolo.

 

C’è un rischio di recidiva?

Purtroppo sì, anche se molto raramente. Un'altra gravidanza potrebbe in linea teorica ripristinare il difetto di parete ed  per questo motivo che si consiglia di affrontare l'intervento una volta si decide di non avere altri figli.

 

Cosa può fare una mamma, che presenta già questa problematica, ma vorrebbe avere un altro figlio? Quanto deve attendere prima di sottoporsi all’intervento? 

Il mio consiglio è senz'altro quello di avere la gravidanza in serenità e poi affrontare l'intervento correttivo. Generalmente consiglio di far passare almeno 6 mesi dal parto.

 

Può lo Specialista, creare un percorso terapeutico prima di procedere con l’intervento vero e proprio?

Si, sicuramente la sinergia con posturologo e fisiatra può aiutare a procrastinare l'intervento e rafforzare la muscolatura residua e quella dorsale.

 

Quali sono le sensazioni che ha raccolto nella sua esperienza di donne che si sono operate di diastasi addominale? 

La mia esperienza mi dice che le donne sono ancora poco informate riguardo questa patologia, e che il corretto iter diagnostico e terapeutico sono fondamentali per far tornare la paziente ad una vita normale.

 

Social
Dott Alessandro Morelli Coghi – Chirurgo plastico
Hai bisogno di un consulto in
Chirurgia Plastica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Alessandro MORELLI COGHI    
Altro dal blog
Fondamentali per tutto l'organismo ed aiutano anche a mantenere la pelle e i capelli sani
L’addominoplastica permette sia di rimuove l’eccesso di cute e grasso sia di tonificare i muscoli addominali
Una nuova metodica ambulatoriale nata per l’utilizzo proprio in medicina estetica, in uno di quei trattamenti solitamente indicati come “di pausa pranzo”
Approcci medici considerati diversi ma forse non lo sono così tanto nella realtà.
Una metodica innovativa per combattere inestetismi della pelle come macchie, rughe e perdita di elasticità
La soluzione a un inestetismo che può, purtroppo, avere un impatto psicologico notevole su chi ne soffre
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico