MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Adenoma Prostatico: Sintomi e Trattamento

Dott. Massimo Capone - Urologo e Andrologo a Treviso
Dott. Massimo CAPONE
 17 Giugno 2015

Effettuata un'ecografia transrettale, risulta un piccolo adenoma prostatico: cosa fare?

Con il termine di adenoma prostatico si definisce l’ingrossamento benigno della prostata, derivante dall’ipertrofia delle strutture ghiandolari che circondano il canale urinario, l’uretra. Tale condizione è più correttamente definita ipertrofia prostatica benigna e può interessare fino al 90% degli uomini di età compresa tra 70 e 90 anni.

Il riscontro in corso di ecografia di un “adenoma prostatico” non implica necessariamente l’istituzione di una terapia.  L’assunzione di farmaci è infatti strettamente subordinata all’esistenza di sintomi riconducibili ad una azione di costrizione dell’adenoma prostatico sulle strutture dell’uretra e delle vescica. Tali sintomi, definiti con l'acronimo inglese LUTS, cioè sintomi del basso apparato urinario, sono più comunemente rappresentati dalla minzione stentata, difficoltosa, in più riprese, con sensazione di incompleto svuotamento vescicale, dall’accorciamento dell’intervallo tra 2 minzioni, dal bisogno impellente di urinare sino all’incapacità di trattenere le urine, dalla necessità di urinare durante la notte. Tali sintomi possono essere presenti anche separatamente e con varia intensità. Allo scopo di valutare l’intensità dei LUTS sono state messe a punto delle scale di valutazione che “traducono” i sintomi in un punteggio.

La più conosciuta è l’IPSS (International Prostatic Symptoms Score) formata da 8 domande con risposta pre-ordinata, facilmente reperibile in rete e utilizzabile anche autonomamente per valutare l’intensità dei propri sintomi.

Il semplice riscontro di un adenoma prostatico in corso di ecografia ha scarse implicazioni cliniche. Il corretto inquadramento del paziente deve tener conto dell’intensità dei sintomi (IPSS) e del loro impatto sulla qualità di vita, dell’esistenza di altre condizioni morbose che possano alterare il riempimento e lo svuotamento della vescica, della esclusione di patologia cancerosa della prostata, della misurazione strumentale della portata del flusso urinario con uroflussometria; indagini a maggiore invasività, quali la cistoscopia o la biopsia prostatica saranno utilizzate solo in casi particolari. In ogni caso è opportuno consultare il Medico di Medicina Generale o lo Specialista Urologo.
Social
Dott. Massimo Capone - Urologo e Andrologo a Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Urologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Massimo CAPONE    
Altro dal blog
Rezum, la nuova terapia a vapore acqueo per curare l’ipertrofia prostatica benigna
La laparoscopia robot-assistita è l'evoluzione più moderna della tecnica nel trattamento chirurgico del tumore prostatico.
Un approccio mini-invasivo per problemi alla prostata.
Nei casi più gravi la patologia compromette l’attività sessuale.
Abbiamo indagato questa patologia dell’apparato genitale maschile con il dott. Massimo Capone, membro della Società Italiana di Andrologia, della Società Italiana di Urologia, dell’European Association of Urology, dell’European Society of Sexual Medicine.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico