MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Medicina generale   Salute e benessere  

APNEA NOTTURNA

Dott. Giovanni Cappellari
Dott. Giovanni CAPPELLARI
 15 Settembre 2011

L'OBESITA' E' UN FATTORE DI RISCHIO


Per "Sindrome delle Apnee Ostruttive Notturne" si intende un quadro clinico caratterizzato  da ripetuti episodi di  apnea (pausa negli atti respiratori) durante il sonno notturno, conseguenti all’ostruzione delle vie aeree superiori, a livello della faringe. I sintomi con cui si manifesta tale sindrome sono il russamento, cioè la ripresa rumorosa della respirazione dopo l’apnea, i bruschi  risvegli  notturni  dovuti alla sensazione di soffocamento, talora associata ad  aritmie cardiache, e la sonnolenza  diurna, concomitante spesso alle ore postprandiali o  alla visione della TV. La sindrome delle apnee ostruttive notturne, se non riconosciuta e non curata, può predisporre alla comparsa di ipertensione arteriosa, cardiopatia ischemica e malattie cerebrovascolari. Il sospetto diagnostico va confermato  con la Polisonnografia, una valutazione dell’andamento del sonno e dei parametri cardiovascolari e respiratori fatta in apposito laboratorio "assistito” da personale specializzato. Il principale fattore favorente delle apnee ostruttive notturne è l’obesità. Nell’adulto le bevande alcooliche ed i farmaci tranquillanti sono fattori facilitanti il fenomeno, assieme all’eventuale abitudine a dormire in decubito supino. La circostanza del riscontro di tale sindrome anche nella popolazione infantile-adolescenziale, associata ad una preoccupante segnalazione statistica dell’aumento dell’obesità infantile  nei paesi economicamente evoluti, Italia compresa, rappresenta una ulteriore sollecitazione a promuovere e garantire norme di vita “sana”, fondate su una corretta  alimentazione  e sul regolare svolgimento di  attività fisico-sportiva. Verso questo obiettivo le famiglie devono  esser supportate dalle Istituzioni Sanitarie, dalla Scuola e dalle stesse Società  o Associazioni dello Sport. 

 

 

Social
Altro dal blog
Se l'obesità è una malattia cronica, dobbiamo trattarla come una malattia cronica.
Vuoi evitare che i tuoi figli soffrano di disturbi del peso? Inizia mostrando loro che la merendina può essere sostituita da un frutto.
I segreti salva-schiena e salva-salute per un rientro in ufficio più 'morbido' dopo le vacanze.
In aumento bambini tra 0 e 14 anni con diabete mellito di tipo 1. Ci sono, però, fortunatamente delle novità positive per quanto riguarda le possibili terapie.
Un sonno disturbato potrebbe precedere lo sviluppo di patologie neurodegenerative di 5-10 anni. Rivolgersi al neurologo è un importante atto di prevenzione.
NE PARLIAMO CON IL DOTTOR ALESSANDRO TARGHETTA
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico