MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Fisiatria   Radiodiagnostica   Radiologia   Tecnologia  

Apre a Mestre la nuova radiologia convenzionata di ultima tecnologia

Un notevole investimento in nuove apparecchiature radiodiagnostiche per il servizio che si trasferisce da Viale Garibaldi 50 a Viale Ancona 5


A partire dal mese di novembre 2014, il Centro di Medicina di Mestre trasferisce il Servizio di Radiologia ed Ecografia Convenzionato SSN (già noto come Centro Clinico Radiologico) da viale Garibaldi 50 a viale Ancona 5 (laterale di viale Torino, a due passi dall’Università). L’ex Centro Clinico Radiologico, nato nel 1953, è stato il primo ambulatorio radiologico privato della città.

“Oggi, come servizio convenzionato, viene rinnovato totalmente e ammodernato nelle apparecchiature tecnologiche, grazie ad un investimento che supera i 1.5 milioni di euro – ha spiegato in occasione della presentazione ufficiale del servizio, l’amministratore delegato Vincenzo Papes - in cui la parte del leone la fanno la nuova Risonanza magnetica aperta total body (800 mila euro) ed il nuovo Mammografo digitale 3D con tomosintesi (300 mila euro). Un potenziamento che ha richiesto un significativo adattamento della struttura, che è stata portata dai precedenti 1.500 agli oltre 2.000 metri quadrati attuali (400 dei quali dedicati alla Radiologia), un potenziamento e adeguamento impiantistico (cantiere record in appena 45 giorni, che ha coinvolto 12 imprese e più di 50 addetti), offrendo così ai pazienti spazi più funzionali e confortevoli, in un quartiere in forte espansione”.  

Alla presentazione di questa mattina presso la sede di viale Ancona 5 erano presenti anche Chiara Puppini, della Municipalità di Mestre, che ha elogiato l’investimento fatto in nuove tecnologie dedicate alla prevenzione di patologie importanti come il tumore al seno. In merito all’ammodernamento tecnologico, in particolare modo, è intervenuto il direttore sanitario della Radiologia, dott. Sergio Premuda (già primario ospedale Venezia “Giustinian” e “Al Mare”, di San Donà di Piave e di Jesolo; già direttore della scuola tecnici di radiologia dell’Ospedale civile di Venezia). “Il Servizio di Radiologia Convenzionata SSN risulta radicalmente rinnovato dal punto di vista tecnologico. – ha spiegato il dottor Premuda - Tra le novità più rilevanti la Risonanza Magnetica (total body, ovvero per lo studio di encefalo, colonna, bacino, spalle, grandi e piccole articolazioni), una diagnostica aperta (importante per chi soffre di claustrofobia) in grado di evidenziare anche minime differenze strutturali grazie all’alta precisione (0.4 tesla e magnete di ultima generazione) e velocità di ricostruzione dell’immagine(700 immagini al secondo). Tra le proprietà, la capacità di elaborare diagnosi, anche in presenza di pazienti obesi, quindi con indice alto di massa grassa”.


Il primario si è poi concentrato sull’altra importante novità, la Mammografo digitale 3D con tomosintesi. “La tomosintesi consiste in una modificazione della mammografia digitale in grado  di acquisire con movimento ad arco del tubo una serie di proiezioni bidimensionali del seno che vengono elaborate con algoritmi simili alla TAC. – ha concluso il dottor Premuda - In pratica, è come se la mammella venisse scomposta in più strati che vengono sovrapposti tra loro ottenendo un’immagine 3D della mammella stessa. Si apprezzano meglio le lesioni, definendone in modo più definito le caratteristiche, permettendo una migliore diagnosi tra forme benigne e maligne, e limitando il numero delle biopsie non necessarie”. Inoltre dispone di: nuova RX digitale (consente sui vari tipi di esami una dose di radiazioni del 20% in media rispetto alla diagnostica tradizionale), la TAC e la Radiologia dentale (OPT, Teleradiografia del cranio).  
I vantaggi (in sintesi) della mammografia digitale 3d con tomosintesi:  consente analisi più accurata eliminando gli artefatti da sovrapposizione, incrementando la risoluzione spaziale e riducendo i falsi negativi. La dose di radiazione erogata è entro un valore limite che non supera la dose di 2 proiezioni standard ed è ampiamente al di sotto della dose di sicurezza. L’apparecchiatura di avanguardia di cui si è dotato il Centro di Medicina permette l’esecuzione della mammografia e tomosintesi con una sola compressione della mammella, compressione inferiore a quella necessaria per la sola mammografia, rendendo meno doloroso l’esame alla paziente.  


Il servizio di Radiologia ed Ecografia: I NUMERI
Il servizio di Radiologia convenzionata SSN ha effettuato nel 2013 le seguenti prestazioni: 4.174 mammografie, 974 risonanze magnetiche, 3.064 ecografie internistiche, 7.099 prestazioni di RX. Numeri che grazie alle nuove dotazioni tecnologiche potranno essere incrementati notevolmente. Un importante servizio quindi per il territorio. A questi numeri vanno sommarsi le oltre 2.500 ecografie internistiche eseguite dai professionisti del servizio ecografico privato.   Il Centro di Medicina di Mestre – Si tratta di una delle dodici strutture sanitarie private e convenzionate  del Centro di Medicina, presenti nelle 4 province del Veneto Nord Orientale: Venezia, Padova, Treviso e Belluno. Il Centro di Medicina di Mestre (direttore sanitario dott. Giampaolo Priolo) può contare su 25 dipendenti e oltre 115 collaboratori medici specialisti in 45 specialità diverse; dislocato in 2 sedi vicine (viale Ancona 5 e 15), il Centro mette a disposizione dei pazienti il Poliambulatorio specialistico, il Laboratorio Analisi, i Servizi di Ecografia internistica, ostetrica/ginecologica ed eco colordoppler,  la Procreazione Medicalmente Assistita (PMA 1° livello), il Servizio di Oculistica, l'Ortopedia, la Fisioterapia e Riabilitazione, la Medicina dello Sport, la Medicina del lavoro, la Medicina Estetica. Da lunedì 3 novembre, la sede di Mestre apre anche il servizio di Radiologia ed Ecografia Convenzionata.   

 
In foto, da sinistra:
Chiara Puppini e Vincenzo Papes Alle spalle la nuova risonanza magnetica  
In foto, da sinistra:
Chiara Puppini, Vincenzo Papes ed il dott. Sergio Premuda
Alle spalle la nuova mammografia digitale  
In foto, da sinistra: Vincenzo Papes ed il dott. Sergio Premuda  


Comunicato stampa Novembre 2014
Social
Altro dal blog
Possibilità di pianificare al dettaglio l’intervento e ripresa più rapida i maggiori vantaggi
La diagnosi prenatale comprende indagini strumentali e di laboratorio con la finalità di monitorare il feto sin dalle prime fasi del suo sviluppo fino al parto
Il periodo Natalizio può mettere a rischio il tuo benessere se esageri a tavola
La diagnosi precoce del tumore mammario e le nuove terapie hanno permesso di ridurne la mortalità, con una sopravvivenza dell’87% a cinque anni dalla diagnosi e dell’80% a dieci anni.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico