MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Medicina generale   Salute e benessere  

ARRIVATA L’AFA, L’ULSS 7 ATTIVA IL PIANO CALDO

Allertata la rete organizzativa per la protezione della popolazione a rischio


Con l’arrivo dell’afa l’Ulss 7 ha attivato, anche quest’anno, il “Piano caldo”, per la protezione della popolazione a rischio, allertando la rete organizzativa già messa a punto nelle estati precedenti.

A correre i maggiori pericoli legati al caldo sono gli anziani, i bambini tra 0 e 4 anni, le persone non autosufficienti o con malattie croniche, coloro che assumono farmaci in modo continuativo. Per la popolazione con più di 75 anni di età e per gli over 65 con patologie croniche invalidanti, il rischio aumenta in relazione alle condizioni di solitudine familiare o di “fragilità”, alla tipologia di abitazione o luogo di residenza (più elevato nelle città, considerate “isole di calore urbano”), all’assenza di impianti di climatizzazione.

 

Il protocollo previsto dal “Piano caldo” prevede il coinvolgimento di: Comuni, Case di Riposo, Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta, Guardia Medica, Servizi di Assistenza Domiciliare Distrettuale, Protezione Civile, Volontariato Sociale. In particolare sono previste le seguenti azioni:

1. Comunicazione alle Amministrazioni Comunali e ai Servizi Sociali al fine di individuare gli utenti a rischio non conosciuti dall’Assistenza Domiciliare Integrata Distrettuale

2. Comunicazione al Pronto Soccorso per l’attivazione e il monitoraggio in caso di patologie da caldo

3. Comunicazione a tutte le organizzazioni del volontariato sociale operanti sul territorio che si fanno carico di divulgare le note relative a come proteggersi dal caldo e ai punti cui far riferimento in caso di necessità

4. Comunicazione alle sedi Distrettuali Nord e Sud, ove sono attivi i servizi di Assistenza Domiciliare Integrata infermieristica che già intervengono direttamente a domicilio in situazioni di fragilità importante

5. Comunicazione alla Protezione Civile, attiva su tutto il territorio provinciale, per eventuale supporto di accesso a domicilio, trasporto ecc.

6. Comunicazione ai Centri Servizio del territorio (Case Riposo, Centri Diurni) che possono effettuare eventuali ricoveri temporanei per anziani a rischio

7. Comunicazione ai Medici di Famiglia e alla Guardia Medica 8. Indicazioni sul Sito Internet dell’Ulss 7

 

CONSIGLI UTILI Come proteggersi dal caldo:

• evitare di uscire nelle ore più calde della giornata (dalle ore 11 alle ore 17) • evitare l’esposizione diretta al sole • bere molto (almeno due litri d’acqua) distribuendo l’assunzione nell’arco della giornata • evitare le bevande gassate, zuccherate o troppo fredde • evitare le bevande alcoliche e limitare l’assunzione di caffè • preferire pasti leggeri, facili da digerire e non grassi, preferendo la pasta, la frutta e la verdura • vestirsi con indumenti leggeri di colore chiaro, di fibre naturali come cotone o lino, usare un copricapo quando si esce, soprattutto nelle ore con il sole più alto • non interrompere o modificare mai di propria iniziativa, senza aver consultato il medico, una cura che si sta seguendo • migliorare il clima dell’ambiente domestico e di lavoro usando schermature delle finestre esposte al sole mediante tende e oscuranti esterni regolabili • l’uso dei condizionatori d’aria rinfresca l’ambiente dando una sensazione di beneficio. I ventilatori meccanici accelerano soltanto il movimento d’aria ma non abbassano la temperatura ambientale. Quando la temperatura interna supera i 32°C, l’uso del ventilatore è sconsigliato perché non è efficace per combattere gli effetti del caldo e può avere effetti negativi aumentando la disidratazione. Occorre evitare continui passaggi dagli ambienti caldi a quelli più freschi soprattutto se si soffre di una malattia respiratoria

 

Quando allarmarsi:

I sintomi che possono indicare un’eccessiva sofferenza da caldo sono: • nausea e vomito • mancamenti • crampi muscolari, mal di testa, vertigini, ronzii alle orecchie, senso di disorientamento • febbre con pelle secca e arrossata, mancanza di respiro A chi rivolgersi in caso di necessità: • Al Medico di famiglia o al Pediatra di libera scelta, cui si possono chiedere informazioni su farmaci e terapie per gestire i sintomi "lievi" • Al Servizio di Guardia Medica o all'Ambulatorio pediatrico prefestivo, per gestire malesseri e disturbi durante le ore notturne o nei giorni festivi • Al 118 in caso di malore improvviso o in presenza di condizioni che facciano temere un serio pericolo In condizioni di caldo elevato prestare attenzione a parenti o vicini di casa anziani, che possono avere bisogno di aiuto soprattutto se vivono soli.

 

 

© greenbang.com

Altro dal blog
La 4° edizione della manifestazione che vede le donne correre per le donne, quest’anno ricorda la mamma stroncata dal male lo scorso 12 agosto.
Incontro informativo con gli specialisti venerdì 25 novembre 2016, organizzato da LILT Conegliano in collaborazione col Comune di Sernaglia della Battaglia.
Presentata ufficialmente oggi l'edizione 2016, a San Vendemiano il 20 novembre. Medicina Moderna contribuisce con il numero dedicato alla donna.
ACCOLTO CON ENTUSIASMO IL PROGETTO CHE VEDE UN GRUPPO DI NARRATORI, QUASI TUTTI DIPENDENTI
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico