MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Chirurgia Generale   Gerontologia   Ortopedia   Salute e benessere  

Artrosi al ginocchio: quanto dura una protesi?

Dott. Maurizio Valente
Dott. Maurizio VALENTE
 25 Novembre 2014

Artrosi al ginocchio: quanto dura una protesi?

Applicata in caso di artrosi al ginocchio, la protesi ha una durata variabile in funzione dell'utilizzo che se ne fa e dalle caratteristiche del soggetto.

La durata di un impianto di sostituzione protesica come trattamento per l'artrosi al ginocchio è un dato che deve sottostare a molteplici varianti come eventuali complicanze, conformazione fisica del paziente, utilizzo corretto dell'impianto. Ad esempio, il paziente obeso sfrutterà la protesi molto di più che un paziente normopeso; chi continuerà con lo sport (nonostante venga sconsigliato) sfrutterà la protesi molto di più che un paziente che si limita al nuoto o alla bicicletta. La complicanza settica (infezione) costringerà alla rimozione anticipata della protesi.

Di conseguenza, per dare una idea della durata di una protesi si può fare solamente un discorso statistico e cioè che un impianto ha oltre il 95% di possibilità di arrivare a 10 anni mentre a 15 anni la percentuale si abbassa di circa 10 punti. Per completezza di informazione esiste in commercio una protesi che, rispettando le premesse suddette, viene garantita dal produttore per una durata di 30 anni.

Social
Altro dal blog
Dal tessuto adiposo arrivano le nuove biotecnologie per i tendini.
Se il mal di schiena o il dolore cervicale diventa persistente ed invalidante va presa in considerazione la chirurgia mini-invasiva o quella percutanea.
Il sesso maggiormente colpito dalla scoliosi è femminile, con un rapporto femmine: maschi di circa 3:1.
Una tecnica mini invasiva per ridurre i tempi post operatori.
Vantaggi e limiti di questo prezioso strumento al servizio dello Specialista.
Tempo di settimane bianche e di divertimento sulle piste. Però attenzione, lo sci porta nel suo DNA una certa quota d’incidenti, più o meno gravi.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico