MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia   Salute e benessere  

ARTROSI DEL GINOCCHIO

Di: Dott. Giovanni Battista VINANTI

ARTROSI DEL GINOCCHIO

Ecco quali soluzioni offre la chirurgia.

Vediamo con il Dottor Vinanti, ortopedico, quali sono le soluzioni chirurgiche attualmente disponibili per l'artrosi al ginocchio.

 

Cos'è l'artrosi di ginocchio? 

Si tratta di un processo degenerativo cronico che colpisce l’articolazione nel suo complesso, coinvolgendo soprattutto la cartilagine che riveste le superfici ossee del femore, della tibia e della rotula. Questa si consuma progressivamente fino ad esporre l’osso. Il danno artrosico colpisce molto spesso anche i menischi. L’artrosi è tra le patologie croniche più diffuse nella popolazione, causa di disabilità più frequente nell’anziano. In Italia ne soffre circa il 20% della popolazione oltre i 55 anni, prevalentemente donne.
 


Quali soluzioni offre la chirurgia di fronte a tale patologia?

Esistono varie soluzioni chirurgiche e compito del chirurgo è scegliere caso per caso l'intervento che offra maggiori possibilità di buon esito per il singolo paziente. La soluzione più semplice e con minor rischio chirurgico è il debridement artroscopico, che può essere però eseguito solo su pazienti altamente selezionati. In alcuni casi, potrebbe essere preferibile la tecnica dell'osteotomia, che permette di riallineare l'arto inferiore ove l'asse di carico sia alterato, riducendo quindi il carico dalla parte malata del ginocchio. Quando, invece, l'articolazione è maggiormente consumata e l'artrosi in fase avanzata, occorre orientarsi verso la sostituzione protesica della parte usurata del ginocchio, asportando una porzione dell'osso che andrà sostituito con una superficie metallica e un sottile disco in plastica per permettere lo scorrimento dell'articolazione. La protesi può riguardare, a seconda dei casi, solo una piccola parte del ginocchio (protesi monocompartimentale) oppure l'intera articolazione (protesi totale).



 

Com'è la gestione del paziente protesizzato? È vero che è migliorata negli ultimi anni?

La recente introduzione di farmaci e metodiche che permettono di ridurre il sanguinamento e il dolore postoperatorio ha reso possibile il fatto che il paziente già dalla prima giornata postoperatoria possa essere messo in piedi, camminare e iniziare la riabilitazione. Questo quindi, indirettamente, ha favorito il raggiungimento di ottimi risultati clinici ed una netta riduzione dei tempi di ospedalizzazione, che a sua volta significa maggior soddisfazione dei pazienti.
 

Il bisturi è realmente necessario?

L’obiettivo di ogni chirurgo dovrebbe essere quello di evitare una soluzione chirurgica quando possibile, ossia quando la sintomatologia è sfumata, quando il danno artrosico è poco significativo e quando le condizioni generali del paziente sono scadenti. In questi casi, il trattamento infiltrativo con cortisonici o acido ialuronico, associato a della fisiochinesiterapia, può essere una valida soluzione.

Dott. Giovanni Battista Vinanti - Ortopedico a Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Giovanni Battista VINANTI    
Altro dal blog
Visita ortopedica, valutazione posturologica e rieducazione funzionale sono il percorso consigliato per risolvere lesioni e traumi anche recidivanti.
La buona notizia è che si può curare efficacemente.
L'équipe di medicina fisica e riabilitazione a Casa di Cura Villa Maria è preparato alla gestione di pazienti con amputazione sia dal punto di vista fisico-riabilitativo che psicologico.
Lesioni di spalla, come risolvere il problema definitivamente
Oggi sul Lago di Garda, la prima Italian Consensus Conference sul trattamento del deficit osseo nell’instabilità di spalla.
Studi recenti sembrano dimostrare che la camminata a piedi scalzi sia addirittura benefica per i soggetti affetti da gonartrosi. Sarà vero?
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico