MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia   Ortopedia-traumatologia e medicina dello sport    Salute e benessere   Sport  

Caldo, sole e jogging

Dott Federico Pasteur - Ortopedico a Treviso e Mestre
Dott. Federico PASTEUR
 29 Giugno 2012

L’attività fisica nel tempo libero, con questo caldo, devo metterla in soffitta?

Quali situazioni sono da evitare?
Evitare ad esempio di fare attività nelle ore più calde della giornata. L’altro ieri pomeriggio ho visto due ultrasessantenni alle cinque del pomeriggio correre lungo il Put di Treviso, con il termostato della macchina che segnava più di 37 gradi. Questa è chiaramente una situazione da evitare. Inoltre bisogna sfatare il mito che un abbigliamento pesante faccia perdere peso. Si perdono invece troppi liquidi che il nostro organismo ci chiede di reintegrare subito dopo lo sforzo, col rischio magari di buttarsi su bibite gassate o dolci che ci fanno riacquistare il doppio di zuccheri.

Quali situazioni sono invece da privilegiare?
Fatte salve le temperature eccezionali di alcuni periodi estivi, di solito gli orari migliori per l’attività fisica sono fino alle 10 del mattino e dopo le 19. Questo evidentemente sia per evitare problemi di salute generale (cardiologici, prevenzione dei danni tipo colpo di sole) che per le strutture muscolari e articolari, che possono risentire in modo negativo di tali situazioni climatiche, con conseguenti crampi muscolari anche notturni, stiramenti o addirittura strappi muscolari.

Ci sono delle raccomandazioni particolari da seguire?
Abbiamo detto l’abbigliamento, che deve essere leggero, proprio per evitare l’eccessiva perdita di liquidi che può rivelarsi più dannosa che salutare. È importante inoltre la scelta della superficie sulla quale correre, che deve avere una resistenza intermedia (per esempio sterrato) e di una calzatura idonea, in quanto fa da ammortizzatore durante l’attività in carico, quali corsa, tennis, jogging, ecc. Esistono delle linee guida fatte da esperti e di facile reperibilità che possono darci indicazioni importanti sul come svolgere l’attività fisica.
Consulta, ad esempio, le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità in merito all'attività fisica per la salute

Perché soffriamo cosi tanto il cambio di stagione?
Molte persone provengono da un lungo periodo di inattività e con la bella stagione decidono di rimettersi in forma.
La mancanza di una transizione stagionale tuttavia, passando dal freddo al caldo, non ci dà il tempo per un relativo adattamento ai cambiamenti del clima. Questo provoca una minore capacità di adattamento e rende ancor più problematiche quelle situazioni di sforzo prolungato.

Come deve essere questa ripresa?
Deve essere graduale. Teniamo presente che la propria soglia del dolore è un ottimo campanello di allarme per evitare complicazioni. La ripresa dell’attività fisica deve essere proporzionata alle proprie capacità personali ed ai propri limiti fisici. Per questo bisogna tenere sotto controllo il proprio apparato cardiocircolatorio e dal punto di vista muscolare seguire quegli accorgimenti che ci fanno vivere serenamente e godere a pieno lo sport fatto nel tempo libero.

Leggi anche:
>> Dieta vegana e sport
>> L'abbigliamento adeguato per l'attività fisica

Guarda il video:
>> Lo sport nel tempo libero
Social
Dott Federico Pasteur - Ortopedico a Treviso e Mestre
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Federico PASTEUR    
Altro dal blog
Appuntamento giovedì 24 ottobre a Palazzo Altan Venanzio, sede della biblioteca civica
Oggi, con la presentazione ufficiale in municipio, è iniziato il conto alla rovescia per la manifestazione nata nel 2017 con l’obiettivo di sostenere il progetto “Giocare in corsia”.
Un valido ausilio tre volte più accurato rispetto alla tecnica manuale e che permette un tempo di recupero ridotto.
Accessorio inutile e ingombrante, o funzionale e individualizzato?
Bisogna sfatare il mito che indossare indumenti pesanti durante lo sport faccia perdere peso: al contrario, rischiamo un'eccessiva perdita di liquidi.
Appuntamento giovedì 14 novembre al Centro culturale De André, piazza IV Novembre
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico