MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Neurologia-endocrinologia-medicina nucleare   Salute e benessere  

Le cefalee nella donna: in menopausa, il dolore se ne va

Di:
Dott.ssa Barbara VITRANI

Le cefalee nella donna: in menopausa, il dolore se ne va

Nella donna, la percezione del dolore può variare in funzione della fase ormonale

La cefalea rappresenta da sempre una patologia intimamente collegata all'universo femminile. Scopriamo perché, e come si manifesta nei vari momenti della vita di una donna. 
 

È vero che l'emicrania è donna?

Non è propriamente così, non dalla nascita quantomeno: prima della pubertà, infatti, sono i maschietti a soffrirne più delle bambine. La suscettibilità della donna aumenta solo successivamente, con la maturazione ormonale. L'emicrania è determinata da un'errata regolazione dei circuiti di controllo del dolore, che sono sensibili a numerosi fattori tra cui lo stress, il clima, il sonno-veglia, l'alimentazione ma anche e soprattutto le variazioni ormonali. Dopo la menopausa, la frequenza delle emicranie tende a ridursi notevolmente.

 

Esiste una correlazione con le fasi riproduttive della donna

Le due forme principali sono l'emicrania con aura e senz'aura. Quest'ultima, di gran lunga prevalente, è anche la forma effettivamente più influenzata dalle variazioni ormonali: circa il 60% delle donne soffre di emicrania correlata alle mestruazioni, con attacchi in tutti o quasi i cicli mestruali e talvolta anche al di fuori. Con la menopausa, spesso questa tipologia di emicrania scompare. Tuttavia, anche le variazioni ormonali artificiali come quelle causate da pillola anticoncezionale durante l'età fertile, e terapia sostitutiva in menopausa hanno degli effetti sul mal di testa, migliorativi o peggiorativi. In questi casi, ad esempio, sarà meglio scegliere anticoncezionali a base di solo progestinico o con un basso dosaggio di estrogeni, oppure con un intervallo di interruzione breve. Per quanto riguarda la terapia sostitutiva, particolari modalità di somministrazione (per esempio, percutanea o transdermica) possono ridurre il rischio di aggravamento delle crisi.
 

Cosa accade in gravidanza?

Durante la dolce attesa si verifica generalmente un miglioramento, soprattutto nel secondo e terzo trimestre, permettendo alla donna di vivere questo delicato periodo con serenità. Tuttavia, molte donne emicraniche spesso vivono con ansia l'inizio della gravidanza, o addirittura la rimandano, per paura di complicazioni. La rassicurazione da parte del medico, e l'impiego di tecniche non farmacologiche per contrastare le crisi sono fondamentali in questo contesto, anche per evitare inutili stati di tensione e ansia. Un patto di salute tra medico e paziente, ma anche tra gli specialisti (neurologo, ginecologo) è auspicabile per la gestione migliore della donna emicranica in gravidanza, al fine di fornire un percorso di cura adeguato e corretto. 

 

Terapia e prevenzione: che ruolo hanno?

Occorre partire da una diagnosi corretta e accurata, fondamentale per un approccio terapeutico efficace. Spesso la donna tende a utilizzare farmaci generici come antinfiammatori e analgesici, quasi sempre inefficaci e talvolta anche dannosi. Meglio rivolgersi a uno specialista, che può indicare dei medicinali specifici adatti, se necessario, ma anche educare sul valore della prevenzione. Esistono profilassi che prevedono l'impiego regolare di farmaci per normalizzare l'attività cerebrale, ma importantissimo è anche fare attenzione al proprio stile di vita. Un'efficace sinergia tra tutti gli specialisti coinvolti nella diagnosi e cura della paziente (dal medico di base al neurologo al ginecologo) è fondamentale per salvaguardare il benessere della paziente e la sua qualità di vita.


 

Altro dal blog
Una terapia che combina approccio farmacologico e trattamento fisioterapico-osteopatico per risolvere dolori di tipo neuromuscolare.
L'elevata sudorazione e un apporto insufficiente di liquidi sono responsabili di un aumentato rischio di disturbi renali
In occasione della Giornata della Sclerosi Multipla, il 30 maggio si parla di buone pratiche quotidiane che migliorano la qualità di vita delle persone con SM.
L’APPELLO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI NEUROLOGIA IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE RARE
La Società Internazionale delle Cefalee ha classificato oltre 200 tipi diversi di mal di testa; tra di essi, la più frequente causa di ricorso alle cure mediche è l’emicrania
E' il primo punto prelievi privato in città. Aperto dal lunedì al sabato presta servizio con e senza prenotazione
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico