MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bambini   Pediatria  

CELIACHIA NEL BAMBINO: CONOSCERLA E RICONOSCERLA

LE MODALITÀ DI APPROCCIO IN ETÀ PEDIATRICA


La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine che si manifesta in soggetti geneticamente predisposti. Un adulto che attraversi una fase di malessere è tendenzialmente portato a rivolgersi a un medico; il quale prescriverà degli esami specifici in modo che un’eventuale celiachia possa essere diagnosticata e trattata. Ma cosa succede se a manifestare i sintomi è un bambino? Quali sono e come fa un genitore a riconoscerli?

 

Nei bambini, la celiachia è una delle malattie croniche a maggiore frequenza e in espansione. Infatti, secondo il recente studio epidemiologico Italiano “The New Epidemiology of Celiac Disease” pubblicato sul Journal of Pedriatic Gastroenterology and Nutrition ad opera del Professor Fasano (Direttore del Centro per la Ricerca sulla Celiachia (CFRC) dell’Università di Boston) e del Professor Carlo Catassi (Associato di Pediatria presso l’Università Politecnica delle Marche), rispettivamente membro e coordinatore del Comitato Scientifico del Dr. Schär Institute (l'incidenza della celiachia è aumentata di 5 volte, soprattutto in età pediatrica).

Questa intolleranza si manifesta normalmente tra il 7° e il 24° mese d’età, quando avviene l’introduzione di cibi contenenti glutine nell’alimentazione. Esistono però anche manifestazioni atipiche che interessano i bambini tra i 5 ed i 7 anni di età. Sintomi tipici della celiachia nel bambino sono: arresto della crescita, irritabilità, inappetenza, pancia gonfia, estrema magrezza, riduzione della massa muscolare e pannicolo adiposo quasi assente. Sintomi atipici sono invece:, rachitismo, pubertà ritardata, ipertransaminasemia, epilessia e autismo.

 

Riconoscere questa intolleranza è fondamentale perché la diagnosi precoce, insieme a una costante e assoluta dieta senza glutine, è la chiave per un tenore di vita normale e sereno. Un adulto diagnosticato tardivamente, infatti, può andare incontro a uno sviluppo più frequente di molte altre patologie autoimmuni associate, quali diabete, epatiti, tiroiditi ecc. Per questo motivo, nei bimbi, è importante non sottovalutare sintomi che potrebbero indicare la presenza dell’intolleranza, quali: alterazioni dell’umore, irritabilità, apatia, ripetuti mal di pancia, stati anemici, bassa statura, e l’essere distaccati dall’ambiente circostante.

In caso di dubbio, è bene consultare il proprio pediatra ed eventualmente, sempre sotto suo consiglio, è possibile ricorrere a un test di autodiagnosi non invasivo che si effettua anche a casa propria e acquistabile senza ricetta medica: si tratta di uno strumento pungidito che preleva dal polpastrello una piccola goccia di sangue.

Secondo recenti studi, tutt’ora in corso, la graduale introduzione del glutine, dai 4 mesi d’età, in piccole quantità durante l'allattamento potrebbe proteggere in parte dalla insorgenza di una celiachia. Tuttavia il dibattito sullo svezzamento è ancora aperto e in Europa sono in corso studi randomizzati su bambini a rischio studiati fin dalla nascita.

Numerosi studi provano invece che l’allattamento al seno prolungato almeno fino a sei mesi ha un effetto benefico, in quanto in grado di rinforzare le pareti intestinali del bambino e proteggere dall’intolleranza al glutine, come evidenziato anche dalla Società italiana di Pediatria .

Nel caso in cui si scoprisse che il proprio bambino è celiaco, ci sono siti e associazioni in grado di fornire linee guida e consigli: ad esempio L'AIC-Associazione Italiana Celiachia, aggiorna annualmente un prontuario degli alimenti permessi e di quelli da evitare .

Social
Altro dal blog
In genere, le diete sono orientate alla riduzione di peso. Bisogna ricordare, però, che anche il sottopeso può essere un fattore di rischio per la salute.
Avanzamento nella lotta contro i tumori grazie ai ricercatori del San Raffaele di Milano, che hanno presentato a Washington un'innovativa terapia immunocellulare.
Giornate informative su celiachia, sensibilità e intolleranza al glutine su tutto il territorio nazionale e consulti telefonici gratuiti con esperti dietologi e gastroenterologi.
IL VIDEO DEL DOTTOR PAVANELLO, PRIMARIO DI PEDIATRIA ULSS 8
Si terrà il 22 marzo a Curtarolo (PD), l'intervento del Dottor Alessandro Targhetta, nutrizionista, su intolleranze alimentari e alimentazione sana.
Intolleranze alimentari e sovrappeso sono spesso correlati: per perdere peso, bisogna perciò innanzitutto procedere a un'indagine sugli alimenti responsabili.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico