MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Dietologia   Ginecologia-ostetricia e urologia   Nutrizione  

Coliche renali, il rischio aumenta in estate

Di:
Dott.ssa Marianna PAOLILLO

Coliche renali, il rischio aumenta in estate

L'elevata sudorazione e un apporto insufficiente di liquidi sono responsabili di un aumentato rischio di disturbi renali

Un fortissimo dolore alla schiena e al fianco destro o sinistro, che si irradia ai genitali e fino all'inguine e si manifesta generalmente di notte: è una colica renale. Abbiamo chiesto alla Dott.ssa Paolillo se è vero che l'estate è una stagione delicata per i nostri reni, e quali sono le precauzioni da adottare.
 

Dottoressa Paolillo, perché le coliche renali sono più frequenti in estate?

In questo periodo può effettivamente accadere anche a soggetti che generalmente non soffrono di calcoli renali. Le cause sono la sudorazione profusa e l'insufficiente introito di liquidi, che possono agevolare una maggiore concentrazione di sostanze presenti nelle urine, e di conseguenza precipitare e portare alla formazione dei calcoli nelle vie urinarie, con una grandezza variabile da un granello di sabbia a qualche centimetro.


Come si verifica la colica renale?


La colica renale generalmente è conseguente alla mobilizzazione del calcolo e solitamente si manifesta con un intenso dolore alla regione lombare destra o sinistra
con irradiazione al fianco e ai genitali, accompagnato spesso anche da nausea e vomito, urine di colore anomalo e maleodorante. Il momento più favorevole per il manifestarsi della colica è la notte ed in particolare le prime ore del mattino perché l’urina è più concentrata di sostanze che possono precipitare.


Quali sono le indagini a cui è necessario sottoporsi?


Un semplice esame delle urine può fornire indicazioni utili per la prevenzione dell’insorgenza o dell’evoluzione della calcolosi urinaria. Il medico, aiutato da
un’ecografia e dagli esami del sangue sarà in grado di centrare la diagnosi e stabilire se i calcoli stanno creando un danno all’organismo. In caso di colica limitare l’apporto di acqua, cioè bere soltanto quando se ne sente la necessità in quanto prima, se possibile, bisognerebbe escludere ecograficamente una dilatazione delle vie urinarie; non assumere antispastici ma antidolorifici, antinausea e se occorre antibiotici; posizionare una borsa d’acqua calda sul lato interessato.


Quali terapie e raccomandazioni consiglia, generalmente?


Effettuata la diagnosi di calcolosi, le strategie di cura sono molteplici e l’urologo valuterà il trattamento più appropriato. Importante la prevenzione: l’idratazione
dev’essere adeguata alla perdita di liquidi. La raccomandazione è quella di bere un litro e mezzo o due di acqua al giorno, meglio se oligominerale che è povera di sali.
Attenzione agli sbalzi di temperatura evitando gli orari più caldi: molto frequente l’insorgenza di coliche renali alla guida d’estate con l’aria condizionata in funzione!
Cercare di mangiare un po’ di tutto in dosi moderate, prediligendo frutta e verdura, limitare l’apporto di sale da tavola, bibite gassate, alcool, cibi conservati e alimenti ricchi di proteine come carne, formaggi stagionati e salumi, ricchi di acido urico e ossalato.
Altro dal blog
Una terapia che combina approccio farmacologico e trattamento fisioterapico-osteopatico per risolvere dolori di tipo neuromuscolare.
Nella donna, la percezione del dolore può variare in funzione della fase ormonale
In occasione della Giornata della Sclerosi Multipla, il 30 maggio si parla di buone pratiche quotidiane che migliorano la qualità di vita delle persone con SM.
L’APPELLO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI NEUROLOGIA IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE RARE
Ecco quali soluzioni offre la chirurgia.
Oggi riusciamo a correggere efficacemente i difetti visivi anche in pazienti che 10 anni fa non potevano essere trattati.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico