MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Psicologia, psichiatria, sessuologia   Salute e benessere  

COPPIA | COME DORMITE INDICA LO STATO DEL RAPPORTO

STUDIO PRESENTATO ALL’INTERNATIONAL SCIENCE FESTIVAL DI EDIMBURGO


Condotto su più di mille persone lo studio dei ricercatori dell’università inglese di Hertfordshire ha dimostrato che il 94% di chi tiene un contatto fisico con il compagno/a mentre dorme ha un rapporto di coppia migliore risposetto a chi non lo fa, la cui soddisfazione non va oltre il 68%.

Ma come si può restare vicini al partner la notte?

Il 42% lo fa tenendo la schiena contro schiena, il 31% si tiene la mano o la spalla contro spalla e il 4% abbracciati.

Anche la distanza ha un ruolo e un significato nelle coppie che la notte si tengo lontani

Chi resta al di sotto di 2 cm e mezzo, il 20% del campione esaminato, ha un rapporto felice nell’86% dei casi, mentre non superano una felicità del 66% quelli che dormono a oltre 75 cm di distanza l’uno dall’altro, il 2% dei partner esaminati.

Il modo di dormire della coppia potrebbe quindi essere una modalità d’indagine sulle problematiche del rapporto, da cui trarre anche informazione sulla personalità dei partner:ad esempio, chi tende ad abbandonarsi fra le braccia del partner è fondamentalmente un/una estroverso/a. «Le informazioni raccolte dal medico di coppia sul rapporto fra le posizioni assunte dai due compagni nel sonno e la qualità della loro relazione - dice Wiseman - possono gettare nuova luce su ciò che realmente avviene nella loro psiche. È una grande novità considerare il sonno come una diversa forma di relazione e non più semplicemente come un intervallo di coscienza in cui non succede nulla».

 

Fonte: corriere.it

Social
Altro dal blog
La fertilità sia maschile che femminile si modifica con l’avanzare dell’età, correlandosi inevitabilmente con l’invecchiamento.
Le cause, gli accertamenti e le soluzioni quando la gravidanza si fa attendere più del previsto.
Qualunque coppia in attesa ha dei dubbi e delle preoccupazioni sul futuro, soprattutto durante la gravidanza.
La crioconservazione degli ovociti a scopo precauzionale.
Più che un disturbo, una vera patologia, ma l'odontoiatra può aiutarvi a trovare una soluzione.
Comune nella popolazione maschile e femminile, il russamento non rappresenta di per sé un problema, a meno che non sia sintomo di disturbi come l'OSAS.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico