MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Nutrizione   Scienza dell'alimentazione   Sport  

Corsetta serale, cosa mangiare

Dott. Paolo Favretto - Dietologo Clinico
Dott. Paolo FAVRETTO
 07 Luglio 2016

Corsetta serale, cosa mangiare

Scegliere con cura l'alimentazione prima di un allenamento o gara concorre a ottenere il giusto apporto di energia e un recupero muscolare ottimale.

Una buona alimentazione rappresenta la base di uno stile di vita corretto e aiuta il nostro organismo a mantenersi in salute. A maggior ragione, una corretta ed adeguata alimentazione rappresenta un elemento fondamentale per qualsiasi attività fisica o sportiva, in quanto interviene sull’apporto di energia e sul recupero muscolare.
 

Le strategie nutrizionali prima di ogni attività sportiva, in particolare se con impegno di medio/lunga durata, sono rivolte ad ottimizzare la disponibilità di carboidrati e le riserve idriche. Ricordo che mentre le riserve di grassi sono “enormi” (si parla di kg), le riserve di carboidrati sono limitate (circa 300 g) e l'esaurimento di queste scorte causa il calo della prestazione. La cura nell’alimentazione dello sportivo comunque non si limita al giorno della competizione, ma deve essere sempre attenta ed equilibrata.
 

Sì ai carboidrati complessi, no ai grassi saturi

È chiaro che i carboidrati sono la principale fonte di energia dell’organismo nel momento della pratica dell’esercizio fisico. Quanto più sarà intenso l’esercizio tanto maggiore sarà il contributo dei carboidrati. Trattandosi del loro principale combustibile, gli atleti devono prestare particolare attenzione alla quantità e alla qualità dei carboidrati che ingeriscono.
 

I pasti che precedono la prestazione sportiva devono quindi privilegiare alimenti facilmente digeribili, di volume contenuto, con un buon apporto di carboidrati complessi (pasta, riso, pane, patate), che rilasciano lo zucchero gradualmente senza creare pericolosi sbalzi glicemici come fanno gli zuccheri semplici (bibite, succhi di frutta, dolci, ecc.) ed un apporto ridotto di grassi saturi (burro, affettati, dolci, fritti, ecc.), inoltre frutta e verdura sono sempre degli ottimi alleati degli sportivi, anche per la loro ricchezza in antiossidanti.
 

Quanto tempo prima dell'attività sportiva

Il pasto andrà assunto almeno circa un paio di ore prima della prestazione e magari poco prima della partenza mangiare un frutto apporterà oltre ad un po’ di liquidi anche degli zuccheri semplici a pronto utilizzo.


Mantenere l'idratazione anche durante l'attività

È inoltre importante sottolineare che la performance risulta ottimale se lo stato di idratazione viene mantenuto costante; infatti anche modesti gradi di disidratazione possono condizionare la prestazione sportiva. Sarà quindi fondamentale reidratarsi anche durante l’impegno fisico, tanto più se il clima è caldo. Se l’evento sportivo ha una durata inferiore allora è sufficiente l’acqua semplice; nel caso di tempi più lunghi, l’acqua andrà arricchita in vario modo per compensare la perdita di minerali e nutrienti.
 

Altrettanto fondamentale è reintegrare, al termine di ogni allenamento e dopo ogni prestazione sportiva, quanto perso durante lo sforzo. La fase di recupero infatti è importantissima per preparare l’organismo allo sforzo successivo, tanto più se gli impegni sono ravvicinati. 


> Venerdì 21 luglio 2017, ci vediamo alla Black Run Conegliano

Social
Dott. Paolo Favretto - Dietologo Clinico
Hai bisogno di un consulto in
Scienza dell'Alimentazione
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Paolo FAVRETTO    
Altro dal blog
Attività sportiva per i più piccoli assolutamente sì, ma senza esasperarne l'aspetto agonistico: norme di comportamento per genitori moderni.
Ma come la mettiamo con zuccheri e grassi? La soluzione è una ricetta semplice semplice per preparare un gelato genuino fatto in casa.
La disposizione dei prodotti nel supermercato e la fretta rischiano, spesso, di trasformare la spesa in un'impresa se non impossibile, sicuramente complessa.
Non basta consumare abbondante frutta e verdura, è anche necessario variare l'alimentazione per ridurre il rischio di malattie croniche.
Un valido ausilio tre volte più accurato rispetto alla tecnica manuale e che permette un tempo di recupero ridotto.
Accessorio inutile e ingombrante, o funzionale e individualizzato?
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico