MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bambini   Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Diagnosi prenatale del primo trimestre: nuove frontiere nella diagnostica non invasiva

Dott Leonardo Forzano - Ginecologo
Dott. Leonardo FORZANO
 18 Maggio 2018

Diagnosi prenatale del primo trimestre: nuove frontiere nella diagnostica non invasiva

L'Harmony test è in grado di valutare il rischio delle principali Trisomie grazie ad un prelievo di sangue.

Negli ultimi 5 anni sono stati introdotti nel panorama della diagnostica prenatale i test non invasivi condotti su sangue materno. Essi sono in grado di fornire uno screening sulle patologie genetiche più frequenti (trisomia 21 o sindrome di Down, trisomia 13 e 18, anomalie dei cromosomi sessuali), senza le complicazioni attribuibili invece a test invasivi come villocentesi e amniocentesi. I test diagnostici non invasivi o NIPT (Non Invasive Prenatal Test) si stanno, quindi, imponendo come scelta ragionata ed ottimale combinando ottime performance diagnostiche in assenza di rischi obiettivi sia per la madre che per il nascituro.

 

Quali sono le informazioni che siamo in grado di ottenere dal test combinato, o ultrascreen

Il test combinato rappresenta l'attuale standard in ambito di diagnostica di screening per le patologie cromosomiche, rafforzato anche dal fatto che le recenti disposizioni ministeriali lo hanno incluso nel range degli accertamenti da eseguire nel primo trimestre (Livelli Essenziali di Assistenza 2017). L'esame mira a fornire il rischio statistico calcolato dai parametri ecografici fetali (quali la misura della translucenza nucale) e dal dosaggio su sangue materno di alcuni marcatori associati alle patologie cromosomiche. La sensibilità per quanto concerne la trisomia 21 si attesta attorno al 90%, mentre per la trisomia 13 e 18 è dell'85% circa. La percentuale di falsi positivi si attesta attorno al 5%.

 

A cosa serve l'Harmony Test e quando è consigliabile

L'Harmony Test riesce ad individuare, nel sangue materno, dei frammenti di DNA libero di origine fetale (precisamente di origine placentare che dovrebbe rispecchiare il corredo genetico del feto, tranne nei rari casi di mosaicismo genetico). Questa tipologia di test non invasivo può essere proposta sia come primo test di screening o nei casi di ultrascreen dubbi o positivi (per evitare un prelievo invasivo tradizionale quali villocentesi e amniocentesi). L'Harmony Test possiede una sensibilità del 99% nei confronti della trisomia 21, e rispettivamente del 98% e 80% per la trisomia 13 e 18, con un tasso di falsi positivi dello 0,1%.
 

Quando si eseguono questi esami diagnostici

Il prelievo per l'Harmony Test può essere tranquillamente eseguito a partire dalla 10a settimana di gestazione.
 

Come si svolgono

Il prelievo è analogo a quelli effettuati per i normali controlli biochimici della gravidanza. Tali metodiche non implicano assolutamente rischi sia materni che fetali. È da ricordare infine come l'Harmony Test sia da inquadrare come test di screening: in caso di positività, pertanto, necessita della conferma da parte dei test prenatali invasivi quali villocentesi ed amniocentesi.

 

Fonte dati scientifici: www.harmonytest.it

Social
Altro dal blog
Cos’è cambiato dopo la sentenza della Corte costituzionale del 2014, che ha dichiarato l’incostituzionalità del divieto alla fecondazione eterologa.
Qualunque coppia in attesa ha dei dubbi e delle preoccupazioni sul futuro, soprattutto durante la gravidanza.
Nella donna, la percezione del dolore può variare in funzione della fase ormonale
L'individuazione di malformazioni uterine è solo uno degli impieghi possibili dell'ecografia 3D/4D
L'ovaio policistico può causare infertilità, disturbi all'endometrio e al seno, persino una maggiore predisposizione a patologie croniche come diabete mellito e disfunzioni metaboliche.
Linee guida per capire le differenze e scegliere con più consapevolezza.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico