MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Fisioterapia   Ortopedia-traumatologia e medicina dello sport    Sport   Tecnologia  

Dolori a ginocchio e tibia? Potrebbe essere la sindrome di Osgood Schlatter

Dott. Leoluca Zimbardo - Radiologia diagnostica
Dott. Leoluca ZIMBARDO
 04 Settembre 2019

I giovani atleti che praticano la corsa ed attività con numerosi salti sono tra i più colpiti

I giovani atleti che praticano la corsa ed attività con numerosi salti sono tra i più colpiti

Durante la crescita lo scheletro giovanile è in continua evoluzione, causando talvolta dolori alle articolazioni. Ne è un esempio la sindrome di Osgood Schlatter.

In cosa consiste la sindrome Osgood Schlatter?

È un processo degenerativo a carico della tuberosità tibiale che interessa lo scheletro immaturo (10-15 anni) e che in molti casi si risolve spontaneamente quando la struttura scheletrica ha raggiunto la maturità.

Quali sono i principali sintomi?

Dolore e gonfiore sotto il ginocchio sono i sintomi più comuni; anche i traumi determinano un aumento del dolore. Nei casi più gravi e rari si può avere una frattura dell'epifisi anteriore della tibia, causata da sollecitazioni più intense.

E le cause?

Lo stress meccanico ripetuto a livello della zona di inserzione del tendine rotuleo, prodotto dalla tensione del tendine del muscolo quadricipite femorale, ne è la principale causa. «La malattia di Osgood Schlatter è solitamente una condizione temporanea che si risolve nel giro di qualche mese»

Come avviene la sua diagnosi?

Nella maggior parte dei casi la diagnosi si basa sull'analisi dei sintomi e dei segni (esame obiettivo) e sulla storia clinica (o anamnesi). La patologia non è grave ma relativamente frequente (circa il 4%) ed in alcuni casi è bilaterale (20-30%). Talvolta è richiesta la radiografia per valutare il grado di ossificazione del nucleo apifisario tibiale anteriore, ma recentemente l'ecografia del ginocchio risulta un test capace di individuare l'insorgenza della malattia prima che i sintomi siano presenti.

Esistono dei fattori di rischio?

Sì, gli sport in cui si praticano spesso salti e corsa, una predisposizione genetica allo sviluppo della patologia ed uno squilibrio tra la crescita scheletrica e dell'apparato muscolo legamentoso, sono i fattori di rischio più comuni.

Qual è la terapia consigliata?

Prima di tutto occorre osservare il riposo dalle attività che producono dolore. È inoltre consigliata l'applicazione di ghiaccio sulla zona dolente e l’esecuzione di esercizi di rinforzo e allungamento muscolare, per migliorare l'elasticità e il tono del muscolo quadricipite femorale. Nei casi più problematici si può utilizzare anche un tutore o delle fascette che riducono la trazione sulla apofisi tibiale.

Tag
Social
Dott. Leoluca Zimbardo - Radiologia diagnostica
Hai bisogno di un consulto in
Radiodiagnostica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Leoluca ZIMBARDO    
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico