Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Scienza dell'alimentazione  

Dott. Pagnin: L’importanza dell’acqua

Dott. Luciano Pagnin - Dietista a Mestre e San Donà
Dott. Luciano PAGNIN
 06 Novembre 2012

In età adulta il 55-60% del peso corporeo è a carico dell’acqua. In un neonato, la percentuale arriva a circa il 75%: esclusivamente da questi semplici dati si può dedurre l’importanza di tale elemento per l’essere umano.


La presenza dell’acqua nel nostro organismo è infatti fondamentale per i processi fisiologici e le reazioni biochimiche. Essa entra nella struttura di varie sostanze, agisce come solvente di nutrienti svolgendo un ruolo fondamentale nella digestione, assorbimento e trasporto degli stessi. Ma non solo: l’acqua è il mezzo principale con cui eliminiamo le scorie metaboliche (ovvero gli “scarti” del nostro metabolismo), è altresì fondamentale nel processo della termoregolazione, nonché dà la giusta consistenza al contenuto intestinale.

In definitiva, visto che non vi è alcun sistema del nostro organismo che non dipenda dall’acqua, è facile comprendere che mantenere un giusto equilibrio del nostro “bilancio idrico” è fondamentale per la conservazione di un buon stato di salute.

L’acqua, come altre sostanze del nostro corpo, viene persa e consumata continuamente e quindi deve essere reintegrata. Principalmente, il nostro organismo mantiene l’equilibrio idrico attraverso il meccanismo della sete, regolando la quantità di acqua da ingerire ed il riassorbimento da parte dei reni della stessa. A tale proposito va comunque tenuto presente che il meccanismo della sete ha tempi di risposta ritardati nei confronti dell’eventuale disidratazione, nonché a volte (soprattutto nell’anziano) è un meccanismo che tende a funzionare con minor efficienza.

Il fabbisogno d’acqua per gli adulti e gli anziani è di circa 1 ml per ogni chilocaloria introdotta nella giornata con gli alimenti e tale fabbisogno si porta a 1,5 ml nei bambini, che risultano quindi essere maggiormente esposti al rischio di disidratazione.

Per sottolineare quanto sia importante il reintegro idrico, sarà utile quindi ricordare come il nostro organismo possa perdere normalmente questo prezioso elemento. Mediamente un adulto perde circa 1300 ml al giorno di acqua attraverso le urine, 150 ml con le feci e in funzione della temperatura esterna, dai 600 ai 1000 ml attraverso l’evaporazione dalla cute (perspirazione) e la sudorazione (ovviamente escludendo un’attività sportiva che risulterebbe assai più dispendiosa dal punto di vista idrico). Sommando le varie quote si arriva a circa 2-2,5 litri di acqua persa al giorno: quantità che deve essere reintegrata attraverso gli alimenti riccamente idratati (frutta ed ortaggi primariamente) e soprattutto con l’introduzione dell’acqua tal quale.

Sarà utile quindi ricordare che:

  •  E’ opportuno assecondare il senso di sete e se possibile anticiparlo, bevendo mediamente 1,5-2 litri di acqua al giorno.
  •  Si deve tener presente che i bambini per il loro maggiore fabbisogno e gli anziani per la diminuzione del senso di sete, sono maggiormente a rischio di disidratazione.
  •  E’ utile bere frequentemente piccole quantità di acqua per dare il tempo all’organismo di assimilarla opportunamente.
  • L’equilibrio idrico va mantenuto bevendo soprattutto acqua, di rubinetto o imbottigliata, ricordando che bevande diverse quali aranciata, succhi di frutta, etc, oltre ad apportare acqua, forniscono altresì quantità calorica da zuccheri semplici e talvolta sostanze farmacologicamente attive quali ad esempio la caffeina e vanno quindi usate con moderazione.
  •  E’ errato evitare di bere per paura di sudare troppo (sudare è il meccanismo fondamentale per termoregolare) o addirittura di ingrassare (l’acqua non apporta calorie).

Seguiteci anche domani! Sveleremo i molti detti sull’acqua che non sono veri!

luciano.pagnin@medicinamoderna.tv

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MEDICINA MODERNA

foto: herbalverona

Social
Dott. Luciano Pagnin - Dietista a Mestre e San Donà
Hai bisogno di un consulto in
Dietistica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Luciano PAGNIN    
Altro dal blog
L’obesità in età giovanile può provocare problemi sia a carattere fisico che psicologico
Caffeina, acqua, frutta e verdura, cosa è bene sapere per una sana dieta.
Né più né meno di qualunque altro soggetto, anche per lo sportivo è importante innanzitutto scegliere i giusti nutrienti.
L'indice di massa corporea è il metodo più usato per verificare se un soggetto è sottopeso, normopeso, sovrappeso o se soffre di obesità moderata o grave.
Quanto incide realmente lo scheletro sul nostro peso corporeo?
Mastoplastica e mastopessi possono aiutare la donna a ritrovare la propria femminilità, dopo i cambiamenti dovuti a gravidanza e allattamento.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico