MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Fisiatria   Salute e benessere  

Dolore al ginocchio? Potrebbe dipendere dalla sindrome femoro-rotulea

Dott.ssa Camilla Melotti - Fisiatra
Dott.ssa Camilla MELOTTI
 23 Dicembre 2019

Dolore al ginocchio? Potrebbe dipendere dalla sindrome femoro-rotulea - Dott.ssa Camilla Melotti

I giovani atleti e il genere femminile sono maggiormente colpiti da questa patologia

Ti capita spesso di avvertire dolore al ginocchio quando sali e scendi le scale o nell’alzarti dopo una lunga seduta al cinema o teatro? Una possibile causa potrebbe essere la cosiddetta “sindrome femoro-rotulea”.


In cosa consiste la sindrome femoro rotulea?
Comprende un insieme di alterazioni che hanno in comune un dolore al ginocchio, più spesso nella regione anteriore, derivante da una disfunzione nell’articolazione tra la rotula e la parte distale del femore (precisamente la gola che si trova tra i due condili femorali).

Quali sono i sintomi per riconoscerla?
Il dolore localizzato alla regione anteriore del ginocchio è il sintomo principale di tale disturbo, anche se in qualche caso il dolore si può localizzare nella parte posteriore (cavo popliteo).



Quali sono le cause?
Non esiste un unico fattore determinante. Molti studi ritengono che un allineamento scorretto tra l’asse del femore e la rotula dia il contributo principale a tale fenomeno. Anche i traumatismi del ginocchio possono scatenare il dolore anteriore, sia quelli di tipo diretto sia, più spesso, i microtraumi ripetuti, come quelli che si verificano durante l’attività sportiva. 
Un’altra possibile causa è l’instabilità rotulea, cioè la sublussazione cronica della rotula, ovvero la sua tendenza alla deviazione da un lato (frequentemente quello esterno), più raramente una lussazione può essere acuta o recidivante.

In quali modi si può curare?
Nella maggior parte dei casi si risolve con un trattamento conservativo, senza quindi ricorrere ad atti invasivi o chirurgici, tramite l’abbinamento di chinesiterapia e terapie fisiche. Molto utili sono gli esercizi attivi di potenziamento sia globale che specifico dell’arto inferiore coinvolto, di allungamento dei muscoli retratti e infine esercizi propriocettivi, che migliorano la performance motoria attraverso la corretta integrazione dei diversi tipi di stimoli sensitivi provenienti dal corpo.
Utile può essere il bendaggio della rotula, sia di tipo funzionale con benda rigida, ma anche con taping elastico. Le terapie fisiche, tra cui LASER ad alta potenza e TECAR sono un valido strumento di supporto al trattamento chinesiterapico.

Come si può prevenire?
Il corretto assetto del ginocchio e dell’articolazione femoro rotulea dipende sia da fattori immodificabili, come la predisposizione alla lassità legamentosa, la conformazione ossea, i traumi diretti subiti, sia da fattori modificabili, come la forza e l’elasticità dei muscoli e legamenti coinvolti, la postura e il corretto gesto atletico, su cui è possibile fare opera di prevenzione.
 

Usare tutore o bendaggio può essere d’aiuto in fase acuta o durante il ritorno ad attività sportive e sovraccarico.

Social
Dott.ssa Camilla Melotti - Fisiatra
Hai bisogno di un consulto in
Fisiatria
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott.ssa Camilla MELOTTI    
Altro dal blog
Sabato 13 giugno l'incontro dedicato a fisioterapisti, fisiatri, laureati in scienze motorie e preparatori atletici
La pulizia e la riparazione del menisco a confronto
Ieri l'intervento di protesi del ginocchio condotto dal Dott. Frangos. Si riprende dopo la pausa per la ristrutturazione della storica struttura padovana.
Tempo di settimane bianche e di divertimento sulle piste. Però attenzione, lo sci porta nel suo DNA una certa quota d’incidenti, più o meno gravi.
Studi recenti sembrano dimostrare che la camminata a piedi scalzi sia addirittura benefica per i soggetti affetti da gonartrosi. Sarà vero?
Applicata in caso di artrosi al ginocchio, la protesi ha una durata variabile in funzione dell'utilizzo che se ne fa e dalle caratteristiche del soggetto.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 37 | INVERNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico