MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bambini   Ginecologia-ostetricia e urologia  

Fecondazione eterologa: novità per le coppie sterili

Dott. Andrea Borini - Procreazione Assistita a Treviso
Dott. Andrea BORINI
 07 Febbraio 2017

Fecondazione eterologa: nuove strade per le coppie sterili

Tecnica di procreazione assistita disponibile in caso di sterilità di uno dei componenti della coppia, la fecondazione eterologa è oggi possibile in Italia.

A partire dal 2014, finalmente anche la legge italiana consente di ricorrere a gameti esterni alla coppia per concepire un bambino.

I problemi di fertilità che affliggono alcune coppie sono questioni difficili da affrontare e mettono in gioco la psicologia dei partner, oltre alla loro fisicità. La fecondazione assistita offre alle coppie rimedi efficaci per superare questo tipo di ostacoli.
 

Fecondazione eterologa, in cosa consiste

Si parla di fecondazione eterologa riferendosi ai trattamenti di fecondazione assistita nei quali si utilizzano gameti di donatori esterni alla coppia (seme, ovociti o entrambi). Si tratta di una tecnica di procreazione assistita praticabile, quindi, quando uno dei due componenti della coppia è sterile.
 

Nessun dubbio sulla salute dei donatori

I gameti possono provenire da banche o da donatori, selezionati sulla base di criteri stabiliti dalla legge e sottoposti a esami e valutazioni cliniche che ne assicurano l’assoluta “sicurezza” di impiego.


Come avviene la fecondazione eterologa

Come in qualsiasi trattamento di fecondazione assistita, il percorso viene identificato dopo un’attenta anamnesi e una consulenza preliminare che la coppia riceve da un medico specializzato in medicina della riproduzione. Una volta definito il problema e quindi il percorso utile per superarlo, si avvia il trattamento, che può essere una semplice inseminazione con seme di donatore, un trasferimento di embrioni ottenuti da ovociti donati inseminati con il seme del partner, una FIVET con seme donato o la doppia eterologa con seme e ovociti entrambi provenienti da donazione, a seconda dei casi.


Aspetti legali

Dal punto di vista legale, l’accesso a questo tipo di trattamenti è regolato dalla legge 40/04 e successive modifiche e dalle Linee Guida emanate dal Ministero della Salute, come per tutta la PMA, anche se ogni regione italiana ha poi regolamenti differenti che li permettono o no, in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale o meno.

Per i single e le coppie con partner dello stesso sesso, in Italia ad oggi non è purtroppo possibile ricorrere alla PMA, né eterologa né omologa.
 

Eterologa: problematiche attuali

Il problema fondamentale in Italia al momento è rappresentato dalle scarsità di donazioni di gameti, che devono avvenire rigorosamente a titolo totalmente gratuito, nonostante il forte coinvolgimento nel percorso del donatore e soprattutto della donatrice, sia dal punto di vista fisico che psicologico. Oggi, di fatto, si utilizzano quasi esclusivamente gameti provenienti dall’estero.
 

Prima delle modifiche alla legge 40/04 del 2014

Le coppie si rivolgevano a centri esteri, primariamente spagnoli, ma anche greci e dell’Europa dell’Est, per una questione di contenimento costi. Il divieto di eterologa veniva aggirato tramite il cosiddetto “turismo procreativo”: si trattava di veri e propri “viaggi della speranza”, un cammino costellato di dubbi e incertezze per le coppie.

Per fortuna, oggi non è più necessario.
Social
Dott. Andrea Borini - Procreazione Assistita a Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Ginecologia - Ostetricia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Andrea BORINI    
Altro dal blog
Come influisce l’età materna sulle possibilità diavere figli? Quali possibilità offre oggi la scienza a chi affronta ‘tardi’ il tema della genitorialità?
Cos’è cambiato dopo la sentenza della Corte costituzionale del 2014, che ha dichiarato l’incostituzionalità del divieto alla fecondazione eterologa.
Stili di vita, cattive abitudini e scarsa informazione influiscono sulla capacità di concepire nell’età adulta.
La fertilità sia maschile che femminile si modifica con l’avanzare dell’età, correlandosi inevitabilmente con l’invecchiamento.
Oggi, in presenza di infertilità di coppia, è possibile ricorrere alla crioconservazione dei gameti femminili con una metodica non più sperimentale.
Cosa è cambiato nel mondo della procreazione medicalmente assistita da quando è nata Louise Joy Brown, la prima ‘figlia della provetta’?
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico