MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Gastroenterologia   Scienza dell'alimentazione  

FODMAP, la dieta contro il colon irritabile

Di: Dott. Paolo FAVRETTO

Dieta FODMAP: la nuova frontiera contro il colon irritabile

La sindrome dell'intestino irritabile si combatte a tavola: la dieta FODMAP ci guida a un'alimentazione in grado di alleviare i sintomi gastrointestinali.

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e i Disordini Funzionali Gastrointestinali sono sicuramente delle patologie molto comuni e che affliggono moltissime persone. La sindrome dell’intestino irritabile, detta comunemente del colon irritabile causa: crampi e dolore addominale, gonfiore addominale, diarrea e/o stitichezza.
 

Colon irritabile: la difficoltà della diagnosi

Nonostante il disagio causato sia spesso molto profondo, non è considerato in genere un disturbo pericoloso e, a tutt’oggi, non si conosce la causa esatta e non esiste un esame specifico per la sua diagnosi.
 

Gli alimenti "sospetti" e la dieta

Viene annoverata tra le malattie psicosomatiche, ma sempre più spesso sono chiamati in causa alcuni alimenti, in un certo numero di casi sembra sia causata dall’assunzione del glutine, pur non configurandosi nella celiachia, ma nella sindrome da ridotta tolleranza al glutine.

È importante precisare che la dieta nei soggetti colpiti da colon irritabile è abbastanza soggettiva, in quanto gli alimenti tollerati da alcuni soggetti possono risultare causa di disturbi per altri.
 

Cos'è la dieta FODMAP?

Una dieta che può aiutare le persone che soffrono di questi disturbi a stare meglio, è la dieta FODMAP. Attenzione: non è una dieta alla moda, ma il frutto del lavoro di alcuni ricercatori australiani della Monash University di Melbourne che hanno sperimentato e sviluppato un nuovo regime alimentare in grado di curare, in un buon numero di casi, la sindrome dell’intestino irritabile. Anche secondo uno studio dell’Università del Michigan, pubblicato su Gastroenterology, una dieta a basso contenuto di FODMAP porta ad una riduzione dei sintomi e ad un generale miglioramento della qualità della vita.
 

Dieta FODMAP: i cibi da evitare

FODMAP è un acronimo che sta per “Fermentable Oligo-saccharides, Disaccharides, Mono-saccharides and Polyols”. Quindi semplicemente si tratta di zuccheri che posseggono un alto potere fermentativo (fruttosio, lattosio, fruttani, xilitolo). Le piccole molecole di questi zuccheri sono infatti osmoticamente attive, ovvero sono in grado di richiamare liquidi nel lume intestinale e favorire la produzione di gas: questi elementi contribuiscono in modo sostanziale a distendere le pareti dell’intestino.

Una dieta ricca di questi zuccheri può essere di conseguenza la causa dei sintomi più comuni della sindrome dell’intestino irritabile (pancia gonfia, meteorismo, dolore addominali, irregolarità intestinali). 

Gli alimenti che contengono FODMAP sono molti e li troviamo: nel latte e nei latticini, nella frutta, nelle verdure, nei cereali, nei legumi, nella frutta secca oleosa, nelle bevande, nelle fibre, nei dolcificanti e negli additivi.
 

La dieta di eliminazione dura per sempre?

Assolutamente no: va sottolineato che nei soggetti sensibili a queste sostanze una dieta di eliminazione non deve essere seguita necessariamente per lunghi periodi, anzi in genere la durata è di 3-6 settimane. Una volta che i sintomi si sono ridotti o sono scomparsi si procede al reinserimento dei cibi eliminati. 

Naturalmente il reinserimento deve rispettare modalità specifiche, nei modi e nei tempi. In molti casi è poi possibile tornare a consumare la maggior parte degli alimenti, ponendo attenzione a quantità e frequenza con cui li si riporta in tavola.
Dott. Paolo Favretto - Dietologo Clinico
Hai bisogno di un consulto in
Scienza dell'Alimentazione
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Paolo FAVRETTO    
Altro dal blog
In caso di familiarità per tumori come il carcinoma della mammella o del colon-retto, la consulenza genetica gioca un ruolo prezioso nella fase di prevenzione.
PESCE, VERDURA E FRUTTA RIDUCONO DEL 43% IL RISCHIO
Quando la stipsi è causata da patologie come rettocele o prolasso rettale interno, è necessario ricorrere all'intervento chirurgico.
Esistono diverse tipologie di stitichezza. I trattamenti spaziano dall'adeguamento di dieta e stile di vita alla fisioterapia all'intervento chirurgico.
L'attività fisica ha un ruolo fondamentale per chi soffre di stitichezza: migliorare il tono muscolare e facilitare la peristalsi aiuta a liberarsi.
Intolleranze alimentari e sovrappeso sono spesso correlati: per perdere peso, bisogna perciò innanzitutto procedere a un'indagine sugli alimenti responsabili.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico