MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione

Cos'è quella gobba dietro il collo?

L'estetica è solo una piccola parte del problema

Cos'è quella gobba dietro il collo?

Quando ho deciso di diventare un chiropratico, non mi sarei mai aspettato che si rivolgessero a me così tante persone la cui maggiore preoccupazione fosse l'estetica. È vero però, d'altra parte, che la postura può avere effetti significativi sulla bellezza percepita, e quindi sull'autostima. Se pensiamo a una delle deformità posturali più comuni e preoccupanti per la donna, la gobba, ci possiamo rendere conto di quanto questa faccia sembrare più anziane e talvolta più pesanti. 

 

Cos’è la gobba

L’incurvarsi della zona superiore della schiena è nota con il nome di “Gobba della vedova”, o genericamente gobba. Originariamente veniva usata per descrivere l’incurvarsi della schiena in signore anziane che avevano subìto fratture da compressione alla colonna vertebrale, e di conseguenza le vertebre deformate portavano la colonna a compensare attraverso la gobba. Al giorno d’oggi, tale termine viene usato per descrivere un pronunciato arrotondamento della colonna vertebrale vicino alla testa e al collo.
 

Perché si verifica

L’incurvarsi non è sempre un male. Infatti, il dorso è pensato per avere un leggero aspetto rotondeggiante chiamato cifosi. Nei casi più pronunciati, si tratta di ipercifosi, che sostanzialmente significa una marcata curvatura, spesso accompagnata da un cuscinetto di grasso o tessuto fibroso sulla parte superiore. Può essere causata da distorsione posturale e squilibri muscolari che interessano collo, torace e dorso. Se non è legata a fratture spinali e osteoporosi, allora si tratta di un disturbo prettamente posturale probabilmente causato da uno dei seguenti fattori: posizione sedentaria al computer per più di 5 ore al giorno; uso cronico di strumenti digitali; squilibri muscolari; condizioni come il morbo di Parkinson e la Sindrome di Marfan; spostamenti neurostrutturali della colonna vertebrale (Atlas Displacement Complex e Anterior Head Syndrome).
 

Trattamento

È da tener presente che non è possibile trattare una gobba derivante da deformità della colonna vertebrale, come da frattura, scoliosi grave o malformazione congenita. Se, invece, la causa è posturale, esistono possibilità di miglioramento: attraverso esercizi posturali correttivi, per rafforzare la muscolatura posteriore; con massaggi, per ridurre le contrazioni muscolari; attraverso la rimozione chirurgica del cuscinetto di grasso. Questi passaggi possono aiutare a ridurre gli effetti estetici della “gobba”.
 

Che correlazione c'è con la cosiddetta Anterior Head Syndrome, la “Sindrome della testa spostata in avanti”?

Alla base di questo fenomeno, vi è un vero e proprio problema strutturale. Una delle condizioni più importanti da affrontare con persone con la gobba, infatti, è l’Anterior Head Syndrome. Quando la testa si sposta in avanti, si incurvano di conseguenza anche spalle e dorso. Se non trattato nel tempo, la faccetta articolare del collo smette di muoversi fluidamente e blocca la testa in una posizione protesa in avanti. Nel momento in cui questo movimento anteriore della testa viene corretto, il resto della colonna vertebrale ritorna spesso nella sua posizione normale, andando a ridurre il dorso curvo in estrema autonomia. In questo modo, il risultato ottenuto non è solamente estetico, ma riguarda il benessere del corpo nella sua interezza. 

 
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico