MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Chirurgia Generale   Gastroenterologia   Proctologia  

Guarire dalla Stipsi da Ostruzione Meccanica

Dott. Raimondo Di Bella - Proctologo a Conegliano
Dott. Raimondo DI BELLA
 25 Luglio 2016

Guarire dalla Stipsi da Ostruzione Meccanica

Quando la stipsi è causata da patologie come rettocele o prolasso rettale interno, è necessario ricorrere all'intervento chirurgico.

La stipsi da ostruzione meccanica si verifica quando il tratto terminale del retto è ostruito a causa di patologie come rettocele o prolasso rettale interno. Qualora venisse confermata da opportuna diagnosi, per trattare questa condizione non sono purtroppo sufficienti dieta ed esercizio fisico come invece avviene in caso di stitichezza da rallentato transito.
 

Il trattamento della stipsi da ostruzione meccanica

In tali casi, è necessario intervenire chirurgicamente per rimuovere il tratto di retto prolasso e ripristinare la continuità intestinale e una normale evacuazione. Si tratta di un intervento chirurgico che si esegue interamente per via trans-anale (senza, quindi, incisione cutanea).

Il ricovero è molto breve, il decorso post-operatorio non è doloroso o, al più, il dolore è molto lieve e, dopo la dimissione, si può prontamente tornare alle proprie attività.

I risultati funzionali dell’intervento sono buoni, ma è necessaria un’accurata selezione dei pazienti.

Social
Dott. Raimondo Di Bella - Proctologo a Conegliano
Hai bisogno di un consulto in
Proctologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Raimondo DI BELLA    
Altro dal blog
La sindrome dell'intestino irritabile si combatte a tavola: la dieta FODMAP ci guida a un'alimentazione in grado di alleviare i sintomi gastrointestinali.
Esistono diverse tipologie di stitichezza. I trattamenti spaziano dall'adeguamento di dieta e stile di vita alla fisioterapia all'intervento chirurgico.
L'attività fisica ha un ruolo fondamentale per chi soffre di stitichezza: migliorare il tono muscolare e facilitare la peristalsi aiuta a liberarsi.
Intolleranze alimentari e sovrappeso sono spesso correlati: per perdere peso, bisogna perciò innanzitutto procedere a un'indagine sugli alimenti responsabili.
L’incontro aperto al pubblico si terrà venerdì 16 novembre nell’Aula Magna scuola media “Manzoni”: interverranno gli specialisti Alessandro Targhetta omeopata, nutrizionista e Ilaria Romano dermatologa
PESCE, VERDURA E FRUTTA RIDUCONO DEL 43% IL RISCHIO
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico