MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Farmacologia   Reumatologia  

Il cortisone fa male?

Dott.ssa Margherita Pianon - Reumatologa a Treviso
Dott.ssa Margherita PIANON
 04 Ottobre 2016

Il cortisone fa male?

Effetti avversi e benefici devono essere bilanciati in modo che questi ultimi siano prevalenti. Compito del medico è informare adeguatamente il paziente.

Farmaco utilizzato con successo in ambito reumatologico, il cortisone è temuto dai pazienti per le presunte conseguenze sulla salute.
 

Effetti collaterali a breve e lungo termine: verità e falsi miti

In realtà, un utilizzo di breve durata e a basso dosaggio del cortisone in genere non appare causa di effetti indesiderati. Tra gli effetti collaterali della terapia cronica con cortisone per lunghi periodi di tempo, soprattutto ad alti dosaggi, invece, si rilevano influenze sul metabolismo degli zuccheri, aumento di peso, ipertensione arteriosa, aumento di colesterolo e trigliceridi, fragilità cutanea e capillare, un maggior rischio di cataratta. In alcuni soggetti predisposti può poi essere causa di glaucoma e, in alcuni casi, essere responsabile dell'inibizione della produzione ossea. 
 

L'importante ruolo del medico

Fondamentale ruolo del medico, in questi casi, è fornire indicazioni specifiche al paziente su come far fronte agli effetti indesiderati causati dall'utilizzo di cortisone, anche a seconda delle condizioni dell'individuo, ad esempio riducendo l'apporto calorico, controllando la glicemia e la pressione arteriosa. Inoltre, a chi è sottoposto a terapia cronica si consiglia l'assunzione di calcio e vitamina D, anche in associazione a farmaci che inibiscono la distruzione dell'osso, i bifosfonati.

Compito del medico, e del reumatologo in particolare, è illustrare in modo semplice ed efficace gli aspetti positivi e negativi legati all'utilizzo del cortisone e informare il paziente circa gli aspetti vantaggiosi di tale scelta terapeutica, se necessaria: in alcune situazioni cliniche, infatti, il cortisone contribuisce efficacemente non solo diminuendo rapidamente il dolore ma anche rallentando le fasi iniziali della malattia. In questi casi, è bene che il paziente sia posto in grado di compiere una scelta consapevole, alla luce sia delle possibili reazioni avverse che degli innegabili aspetti positivi, e bilanciarli in modo che questi ultimi siano sempre prevalenti. Uno dei criteri fondamentali che deve guidare il medico nel suo uso, specie nelle terapie prolungate, è quello di utilizzare la minima dose efficace

Il paziente non deve temere per la decisione del medico di usare il cortisone, perché sicuramente ponderata ed inquadrata in un chiaro programma terapeutico in cui si sono valutati tutti gli aspetti.
Social
Altro dal blog
Utilizzato per la prima volta nel 1948 dal Nobel per la Medicina Philip S. Hench, il cortisone è un farmaco utilizzato con successo in ambito reumatologico.
I sintomi articolari tipici dell'artrite psoriasica sono spesso a carico delle mani e si manifestano prevalentemente di mattina, al risveglio.
Oggi sul Lago di Garda, la prima Italian Consensus Conference sul trattamento del deficit osseo nell’instabilità di spalla.
Succhiare il dito può creare problemi alle articolazioni?
Il colesterolo è una sostanza fondamentale per l'organismo, basta rispettare i giusti valori di colesterolo cattivo LDL e colesterolo buono HDL.
Intolleranze alimentari e sovrappeso sono spesso correlati: per perdere peso, bisogna perciò innanzitutto procedere a un'indagine sugli alimenti responsabili.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico