MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Il lichen scleroatrofico genitale e la capacità di concepimento

Dott. Massimo Capone - Urologo e Andrologo a Treviso
Dott. Massimo CAPONE
 30 Agosto 2019

Nei casi più gravi la patologia compromette l’attività sessuale.

Nei casi più gravi la patologia compromette l’attività sessuale.

Il lichen sclerosus può colpire sia gli uomini che le donne, con ripercussioni sull’attività sessuale e, nei casi più gravi, conseguente impossibilità di concepimento.

Cos’è il lichen sclerosus?

È una malattia cutanea infiammatoria cronica che interessa prevalentemente la zona ano-genitale di uomini e donne.

Qual è l’origine di questa malattia?

L’origine non è conosciuta ma, soprattutto per il sesso femminile, esiste una stretta associazione con malattie autoimmuni. È presente in circa 1 su 300-1000 individui e le donne sono colpite tre volte più frequentemente degli uomini, anche nella zona anale. Nei maschi si presenta principalmente tra i 30 e i 50 anni, ma può essere osservata anche nel bambino.

Quali conseguenze provoca?

Nell’uomo la conseguenza più frequente è la fimosi, cioè il restringimento del prepuzio, con impedimento all’attività sessuale. Nel 4% dei casi si verifica un interessamento del meato uretrale esterno o dell’uretra, con impedimento alla fuoriuscita dell’urina. In circa l’8% può svilupparsi un carcinoma squamocellulare del pene.

Nella donna la malattia può determinare l’atrofia delle piccole labbra della vagina e del clitoride, con il restringimento fino alla completa chiusura dell’orifizio vaginale, con una gravissima compromissione dell’attività sessuale.

Qual è la terapia indicata per contrastarlo?

Le lesioni sul prepuzio e sul glande possono essere trattate localmente con cortisonici ad alto potenziale per un periodo di almeno 3 mesi.

Ci sono dei sintomi che permettono di riconoscerlo?

Il prurito in corrispondenza delle lesioni è un sintomo caratteristico. Le lesioni sono costituite inizialmente da piccole aree di color avorio che confluiscono in lesioni più ampie con cute rugosa e assottigliata, erosa e fissurata o con placche ispessite e biancastre.

Quali accortezze deve seguire chi ne è colpito?

È importante la diagnosi tempestiva, con biopsia nei casi dubbi. Il trattamento conservativo è tanto più efficace quanto più precocemente viene iniziato. Fondamentale è mantenere la terapia sotto controllo, per contenere l’evoluzione della malattia e il ricorso alla chirurgia. Occorre inoltre sorvegliare le lesioni per prevenire l’evoluzione sclerotica, in quanto le lesioni acquisite sono irreversibili.

 

 

Social
Dott. Massimo Capone - Urologo e Andrologo a Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Urologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Massimo CAPONE    
Altro dal blog
Il piede dello sportivo subisce molte sollecitazioni. L'analisi della postura e del modo di camminare o correre è utile per prevenire traumi e lesioni.
Abbiamo indagato questa patologia dell’apparato genitale maschile con il dott. Massimo Capone, membro della Società Italiana di Andrologia, della Società Italiana di Urologia, dell’European Association of Urology, dell’European Society of Sexual Medicine.
La migliore soluzione alla disfunzione erettile causata dall’intervento di prostatectomia radicale
L’impianto di una protesi peniena consente riabilitazione sessuale del paziente affetto da disfunzione erettile grave nei casi non responsivi alla terapia orale e locale.
Forse è ancora presto per dire addio al Viagra, ma di certo le onde d'urto rappresentano un'importante novità per il trattamento della disfunzione erettile.
Rinforzare il sistema immunitario per prevenire le malattie invernali
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico