MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Salute e benessere  

Impianto di Protesi Peniena

Dott. Massimo Capone - Urologo e Andrologo a Treviso
Dott. Massimo CAPONE
 26 Marzo 2019

Protesi pene per disfunzione erettile

La migliore soluzione alla disfunzione erettile causata dall’intervento di prostatectomia radicale

In questo articolo scritto dal Dottor Massimo Capone, specializzato in Urologia, trattiamo la tematica della protesi peninea, come soluzione alla disfunzione erettile causata dall'intervento di prostatectomia radicale.
 

Traggo spunto per alcune considerazioni da un intervento di impianto di protesi peniena per disfunzione erettile conseguente a intervento di prostatectomia radicale eseguito oggi. Il Paziente è un uomo di  61 anni, sottoposto nel 2011 (all’età di 52 anni) a intervento di prostatectomia radicale, e appena oggi, 8 anni dopo, avviato alla riabilitazione dal punto di vista sessuale.

  • L’incidenza di disfunzione erettile in pazienti sottoposti a prostatectomia radicale può arrivare sino all’89%;
  • Il recupero della funzione erettile può richiedere fino a 2 anni dal momento dell’intervento;
  • Durante questo periodo l’assenza di erezioni produce fenomeni di fibrosi dei corpi cavernosi, accorciamento del pene e comparsa di fuga venosa che pregiudicano ulteriormente la funzione peniena.
  • L’uso di farmaci per via orale è privo di utilità in presenza della lesione nervosa conseguente all’intervento chirurgico, poiché la causa della disfunzione erettile consiste nella mancata trasmissione del segnale nervoso dal cervello al pene.
  • L’uso di farmaci iniettabili nei corpi cavernosi (la cosiddetta farmacoprotesi) non risulta particolarmente gradito ai pazienti e la percentuale di abbandono dopo 1 anno è dell’85%. Altrettanto impopolare tra i nostri Pazienti è l’uso di dispositivi meccanici, i cosiddetti vacuum device.
  • Complessivamente appena il 25% dei Pazienti sottoposti a prostatectomia radicale, anche con tecnica nerve sparing, riesce ad ottenere una erezione (spontanea o con l’ausilio di farmaci), adeguata alla penetrazione.
  • Lo stress correlato alla malattia e le variazioni nelle caratteristiche dell’orgasmo, la perdita della capacità di eiaculare inducono alterazioni psicologiche che contribuiscono all’ulteriore peggioramento della sessualità della coppia;
  • L’assenza di protocolli condivisi e validati che consentano la ripresa e il mantenimento di una capacità erettile adeguata alla penetrazione nell’intervallo tra l’intervento e l’eventuale recupero dell’erezione, l’informazione spesso lacunosa fornita prima e dopo l’intervento chirurgico, inducono confusione nei Pazienti che nella maggior parte dei casi continuano a coltivare irrealistiche aspettative di recupero dell’erezione anche quando esse devono considerarsi sostanzialmente irrealizzabili.



Un recente studio pubblicato su Journal of Sexual Medicine (Quality of Life, Psychological Functioning, and Treatment Satisfaction of Men Who Have Undergone Penile Prosthesis Surgery Following Robot-Assisted Radical Prostatectomy, Pillay et al.) condotto da studiosi su pazienti sottoposti a impianto di protesi peniena dopo intervento di prostatectomia radicale robot-assistita, ha accertato che la percentuale di Pazienti soddisfatti di questo tipo di trattamento è del 94%

I Pazienti candidati e/o sottoposti a intervento di prostatectomia radicale retropubica dovrebbero pertanto ricevere una adeguata e realistica informazione sulla possibilità di ricorrere all’impianto di protesi peniena per una completa riabilitazione sessuale; questa metodica costituisce attualmente la migliore soluzione alla disfunzione erettile conseguente alla prostatectomia radicale.

Social
Dott. Massimo Capone - Urologo e Andrologo a Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Urologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Massimo CAPONE    
Altro dal blog
Abbiamo indagato questa patologia dell’apparato genitale maschile con il dott. Massimo Capone, membro della Società Italiana di Andrologia, della Società Italiana di Urologia, dell’European Association of Urology, dell’European Society of Sexual Medicine.
Con una serie di sedute rapide e assolutamente indolori è possibile finalmente riacquistare una vita sessuale appagante
Arrivare preparati alla prima visita dall’urologo è un modo efficace per evitare l’imbarazzo.
Patologia caratterizzata dal restringimento del prepuzio, ossia la pelle che ricopre il glande, può anche manifestarsi a causa di infezioni o infiammazioni.
L’impianto di una protesi peniena consente riabilitazione sessuale del paziente affetto da disfunzione erettile grave nei casi non responsivi alla terapia orale e locale.
Forse è ancora presto per dire addio al Viagra, ma di certo le onde d'urto rappresentano un'importante novità per il trattamento della disfunzione erettile.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico