MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Cardiologia  

Ipertensione Arteriosa, Manifestazioni e Sintomi

Dott Totò Giujusa - Cardiologo
Dott. Totò GIUJUSA
 03 Agosto 2016

Ipertensione Arteriosa, Manifestazioni e Sintomi

L'ipertensione consiste in un'elevata pressione del sangue nelle arterie, che costringe il cuore a un maggior sforzo. Tra i sintomi comuni, la cefalea.

L'ipertensione, o ipertensione arteriosa, comunemente conosciuta come "pressione alta", è una condizione in cui la pressione del sangue nelle arterie risulta elevata. Sebbene si osservi più spesso negli anziani, i soggetti giovani non sono del tutto esenti.

La circolazione del sangue è consentita dallo sviluppo nel sistema vascolare di una pressione superiore a quella atmosferica, costituita da una componente sistolica derivante dalle contrazioni del cuore e una componente diastolica che corrisponde al suo rilassamento.
 

Come capire se la pressione è alta

La pressione sanguigna normale è compresa tra i 100-140 per la massima e i 60-90 per la minima. Al momento della misurazione con sfigmomanometro, si può fare diagnosi di ipertensione arteriosa se la pressione supera i valori di 140/90 a riposo.
 

Ipertensione: i sintomi più comuni

Il disturbo più frequentemente associato all’ipertensione arteriosa è la cefalea. Possono osservarsi disturbi visivi, ronzii o sensazioni vertiginose. In questi casi, in particolare se c’è storia familiare di ipertensione arteriosa o sono presenti condizioni predisponenti come sovrappeso, fumo, diabete è opportuno consultare uno specialista che potrà suggerire accertamenti specifici, oltre agli esami del sangue di routine che potranno essere prescritti anche dal medico di famiglia. Il cardiologo prescriverà una terapia idonea.
Social
Altro dal blog
Responsabile nella maggior parte dei casi di malattie respiratorie, è nocivo anche quando impregna gli ambienti in cui si vive.
Responsabile nella maggior parte dei casi di malattie respiratorie, è nocivo anche quando impregna gli ambienti in cui si vive
Per il secondo anno di fila gli studenti delle scuole superiori sono invitati a 4 incontri informativi che incentivano uno stile di vita salutare.
Oggi alle 17, Medicina Moderna trasmette per #5azioni la prima ricerca scientifica sulle fake news in rete sul diabete
A quanti di voi è capitato di mangiare un gelato sperando di rinfrescarvi e dissetarvi, ottenendo invece l’effetto contrario?
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico