MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Analisi   Ginecologia-ostetricia e urologia  

Ipertrofia Prostatica Benigna

Dott. Domenico Battaglia - Nutrizionista a Padova
Dott. Domenico BATTAGLIA
 27 Luglio 2016

Ipertrofia Prostatica Benigna

Sintomi, cause e terapia di una patologia diffusa tra gli uomini oltre i 50 anni di età, caratterizzata da un aumento di volume della prostata.

La prostata è un organo maschile con funzioni sessuali localizzato a livello del bacino al di sotto della vescica, ha normalmente la forma di una castagna e si sviluppa attorno al canale di fuoriuscita delle urine e del liquido seminale: l’uretra


Incidenza sulla popolazione

Nell’ambito della popolazione maschile l’ipertrofia prostatica benigna interessa moltissimi uomini a partire dai 50 anni di età infatti inizia un progressivo graduale aumento di volume, in maniera del tutto silente fino al manifestarsi di alcuni sintomi che possono interessare fino all’80% della popolazione maschile fra i 70 e gli 80 anni.


Sintomatologia dell'ipertrofia prostatica benigna

Ecco alcuni fra i più frequenti segni clinici:
- difficoltà ad iniziare la minzione;
- aumento della frequenza minzionale sia diurna che notturna;
- riduzione del mitto urinario;
- deficit di erezione peniena;
- sgocciolamento urinario;
- sensazione di incompleto svuotamento vescicale;
- bruciore durante la minzione;
- infezioni ricorrenti del basso apparato urinario.
 

Quali cause?

Le cause dell’ingrossamento prostatico sono ancora tutte da chiarire ma vi sono alcuni elementi che oggi possono far ricondurre la cosiddetta ipertrofia a variazioni ormonali dell’individuo che si manifestano con l’avanzare dell’età, ad una dieta con un elevato contenuto di grassi specialmente di origine animale ed industriale e povera di fibre. Svolgono inoltre un ruolo significativo le carenze nutrizionali come quella di zinco e licopene; si è visto che anche i pesticidi ed i trattamenti chimici che vengono usati sui vegetali nell’agricoltura cosiddetta commerciale possono svolgere un ruolo negativo sulla prostata.
 

La diagnosi di ipertrofia prostatica

La diagnosi di ipertrofia prostatica solitamente si può gia intuire conducendo una buona anamnesi del paziente inoltre possono essere eseguiti alcuni esami diagnostici di facile realizzazione che possono dirimere ogni dubbio, tra cui:
- esame urine: esclude possibili infezioni;
- ecografia renale e vescico-prostatica: ci da una visione d’insieme dell’apparato urinario con misurazioni funzionali per esempio nel pre e post minzione;
- ecografia trans-rettale della prostata: esame principe per la misurazione dei diametri prostatici;
- uroflussometria: ci da indicazioni funzionali riguardo alla capacita e la modalità di espulsione delle urine;
- esame del PSA: un suo innalzamento può essere correlato anche ad aumentato volume della prostata in senso benigno.
 

La terapia

Le terapie per questo problema possono essere di vario genere: 
    •    Farmacologiche: miglioramento dei sintomi minzionali e della disfunzione erettile (se presente).
    •    Fitoterapiche: miglioramento dello stato infiammatorio prostatico.
    •    Endoscopico-chirurgiche: in passato si ricorreva più spesso alla chirurgia “a cielo aperto” oggi le modernissime tecnologie laser (Holep) ci consentono di risolvere la maggior parte dei problemi per via endoscopica cioè senza taglio chirurgico accedendo dalla via naturale uretrale, senza dolore post- operatorio e con degenze molto ridotte (24-48 ore). Questa tipologia d’intervento ripristina il calibro del canale uretrale laddove esso risulti ostruito da un volume prostatico aumentato, facendo in modo da ridare al paziente una capacità espulsiva urinaria regolare senza ulteriori ausili farmacologici.
 

7 segnali a cui prestare attenzione

Di seguito alcune domande che potrebbero indicare al paziente di avere un problema di ipertrofia prostatica:
1. Senso di incompleto vuotamento vescicale negli ultimi tempi?
2. Minzione in più tempi?
3. Intervallo fra una minzione e l’altra inferiore a 2 ore?
4. Difficoltà a ritardare la minzione?
5. Il getto urinario ultimamente sembra essere più debole?
6. Si sforza per iniziare ad urinare?
7. Si alza di notte per urinare?

Non necessariamente l’aver risposto in modo affermativo ad alcune delle domande ci deve far porre diagnosi ma di sicuro deve orientare il paziente verso una migliore osservazione di sé ed eventualmente proporsi di approfondire l’argomento con uno specialista in modo da poter meglio definire l’eventuale diagnosi e gli eventuali possibili rimedi.
Social
Altro dal blog
Rezum, la nuova terapia a vapore acqueo per curare l’ipertrofia prostatica benigna
La laparoscopia robot-assistita è l'evoluzione più moderna della tecnica nel trattamento chirurgico del tumore prostatico.
Un approccio mini-invasivo per problemi alla prostata.
È una novità importante perché permette esami mirati ed elimina le biopsie inutili.
La ricerca di un bambino a volte si rivela un momento difficile per quelle coppie che riscontrano dei problemi nel diventare genitori.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico