MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Psicologia, psichiatria, sessuologia   Salute e benessere  

L'ansia è pericolosa per la salute?

L'ansia è pericolosa per la salute?

A piccole dosi, l'ansia ci mantiene attivi e concentrati. Il problema, però, si pone quando sottovalutiamo un eccessivo stato d'ansia per lungo tempo.

L'ansia, intesa come emozione caratterizzata da uno stato di tensione, apprensione, allarme per un imminente pericolo, è essenziale per affrontare la vita quotidiana.

Vi sembra strano? Cercheremo di spiegarci meglio.

La sensazione soggettiva di ansia è molto simile ad uno stato di paura. In genere, si associa a sentimenti di tristezza e a sintomi fisici di tensione (tachicardia, mal di pancia, tensione muscolare, fiato corto). È un vissuto, quindi, che ognuno di noi preferirebbe evitare, soprattutto quando lo stato di tensione è vago e non si riesce a ricondurre ad un evento specifico. Quell'ansia "sgradevole" ci colpisce anche quando la nostra parte emotiva viene coinvolta sebbene ci si renda conto razionalmente che l'evento scatenante è improbabile o addirittura impossibile (es. paura dell'aereo, di essere colpiti da una malattia grave, che accada un incidente ai nostri cari). 

Tuttavia, a piccole dosi l'ansia è necessaria per tenerci svegli, attenti, vitali.
 

La percezione fisica dell'ansia

La risposta fisiologica dell'ansia è, per esempio, quella che ci fa prontamente scattare indietro quando sentiamo un auto che sgomma e potenzialmente potrebbe investirci. 

Percepire ansia in assenza di pericolo, o sentirla in maniera sproporzionata alla realtà degli eventi è comunque un segnale d'allarme che non va ignorato. 

La nostra mente ci sta mettendo in allerta: qualcosa non va nella nostra vita, anche se il collegamento tra lo stato ansioso e ciò che dobbiamo mettere a posto non ci appare chiaro.
 

Cosa succede quando ignoriamo uno stato d'ansia

Il problema nasce quando ignoriamo questi segnali e invece di cercare di capire qual è il vero problema cominciamo a "tirare la corda", accumulare tensione, sopportare livelli sempre più alti di ansia. Un eccessivo livello di ansia determina in primis una maggiore incidenza di dimenticanze, errori, perdita della coordinazione motoria, perdita della sicurezza e sentimenti di panico. Ciò può tradursi concretamente nel fallire ad un esame, smarrire le chiavi di casa, fare un banale incidente d'auto.
 

Le conseguenze dell'ansia sull'organo bersaglio

Ciò che è più grave è che una reazione eccessiva e continua del nostro sistema nervoso mette tutto il corpo in una situazione di stress, ovvero di logorio, che può ledere qualunque organo bersaglio. Ognuno di noi ha un suo organo bersaglio, ovvero la parte più coinvolta e quindi più stressata nella risposta emotiva: ad esempio c'è chi in ansia "risponde di cuore" con la tachicardia, chi "di pancia" con la gastrite, chi "di testa" con la cefalea muscolo tensiva. Questi sono solo alcuni esempi per dire che l'ansia eccessiva (per intensità e per durata) è pericolosa perché andrà a ledere progressivamente proprio un'area di vulnerabilità soggettiva. Le aree di vulnerabilità interessate da questo meccanismo determinano il quadro clinico e il disturbo che emergerà.

Social
Altro dal blog
Dalla salute generale, all'umore, camminare apporta benefici che non ci si immagina nemmeno!
Le motivazioni possono essere varie e in particolare la causa non è mai una sola.
In questi tempi sempre di corsa tra mille impegni, siamo certi di sapere davvero quanto male ci fa lo stress? Un ciclo di incontri per creare consapevolezza.
La psicologia dello sport ha come obiettivo quello di sviluppare e applicare tecniche che permettano di massimizzare le probabilità dell’atleta e/o della squadra di raggiungere il proprio obiettivo agonistico.
Battito cardiaco accelerato, tremori e sudorazione, senso di soffocamento...come imparare a gestire ansia e panico.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico