MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Medicina generale   Salute e benessere  

L’INFLUENZA COLPISCE ANCHE IL CUORE

GLI ESPERTI A CONFRONTO: IL VACCINO LIMITA I RISCHI DI EVENTI CARDIOVASCOLARI


In occasione del suo XII Congresso Nazionale, la SIPREC sottolinea l’importanza del vaccino antinfluenzale come salvavita per i soggetti a rischio cardiovascolare. La vaccinazione, infatti, contribuisce a ridurre in maniera significativa il rischio eventi ischemici acuti nel corso della stagione influenzale e, in generale, a ridurre il rischio di eventi cardiovascolari maggiori come infarto e ictus. “L’influenza – spiega il Presidente della SIPREC, Prof. Bruno Trimarco – è causa di una sindrome infiammatoria sistemica che può coinvolgere anche i vasi del cuore da cui può derivare un aumento del rischio trombotico. È quindi importante consigliare la vaccinazione antinfluenzale soprattutto a quei soggetti che hanno già patologie cardiache o vascolari di base”.

Una recente conferma di ciò viene da un gruppo di ricercatori dell’Università di Toronto che, in una revisione sistematica della letteratura scientifica pubblicata sul JAMA, ha rilevato una riduzione del 36% del rischio di eventi cardiovascolari maggiori (infarto ed ictus) nei soggetti vaccinati per l'influenza rispetto a quelli non vaccinati. Alla luce delle numerose evidenze scientifiche che indicano nella vaccinazione un ausilio significativo nella riduzione del rischio di eventi cardiovascolari maggiori, la Consulta delle Società Scientifiche per la Riduzione del Rischio Cardiovascolare (CSCV), di cui fa parte la SIPREC, ha incluso in un documento scientifico di raccomandazione, l'importanza di diffondere queste informazioni a tutti gli operatori sanitari che si occupano di prevenzione cardiovascolare, oltre a tutti coloro che si occupano di vaccinazioni. “La prevenzione deve essere il pilastro della nostra Sanità - afferma il Dr. Andrea Orsi della Scuola di Igiene e Sanità Pubblica dell’Università di Genova, diretta dal Prof. Giancarlo Icardi - la vaccinazione influenzale è uno strumento di immunizzazione che si è dimostrato efficace anche nella riduzione del rischio cardiovascolare.

Il nostro Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale, ripreso annualmente con un’apposita Circolare dal Ministero della Salute raccomanda, infatti, la vaccinazione influenzale anche ai soggetti che soffrono di patologie croniche di base tra cui quelle cardiovascolari. I più recenti dati epidemiologici mostrano come nella fascia d’età compresa fra i 60 e i 64 anni, circa il 15% presenta condizioni di rischio legate a patologie cardiovascolari ed è per questi soggetti – sottolinea Andrea Orsi – che il vaccino antinfluenzale è fortemente raccomandato. Pertanto l’abbassamento dell’età di raccomandazione della vaccinazione influenzale ai 60 anni, potrebbe rappresentare la soluzione da perseguire con decisione per proteggere i soggetti più fragili utilizzando al meglio le risorse”. “La prevenzione vaccinale – conclude il Prof. Trimarco - è un interesse di una Società Scientifica che si occupa della riduzione del rischio cardiovascolare, come la SIPREC, perché può contribuire alla prevenzione di un problema clinico importante come l'infarto”.

Social
Altro dal blog
Al via la seconda edizione del contest e dell’hackathon promossi da Sanofi Pasteur per contrastare le fake news e sostenere la comunicazione scientifica sui vaccini.
Ricomincia la scuola, e i genitori hanno molto a cui pensare: i nuovi obblighi vaccinali, la gestione del tempo tra sport e compiti per casa e non solo.
Con la conversione in legge, il decreto vaccini riduce le vaccinazioni obbligatorie da 12 a 10. Ecco le nuove norme e scadenze.
In aumento bambini tra 0 e 14 anni con diabete mellito di tipo 1. Ci sono, però, fortunatamente delle novità positive per quanto riguarda le possibili terapie.
Contro i mali di stagione e al posto dei farmaci, hai mai provato rimedi naturali come gli infusi?
Quest’anno l’influenza sarà particolarmente dura, per questo si raccomanda il vaccino alle categorie sensibili.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico