MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bambini   Medicina generale   Salute e benessere  

La dispercezione

Dott. Carlo Perissinotto – DSA e Dislessia a Treviso
Dott. Carlo PERISSINOTTO
 30 Aprile 2014

La dispercezione

Un'errata percezione del mondo circostante da parte dei nostri sensi potrebbe dar luogo a disturbi dell'apprendimento, della concentrazione e a dolori.

La percezione è il processo psichico che sintetizza, in forme dotate di significato, gli innumerevoli dati sensoriali che giungono al cervello dall’ambiente che ci circonda. Quando questo processo non avviene in modo corretto abbiamo una “dis-percezione”. Per spiegarlo chiaramente espongo qui sotto alcuni estratti di una lettera "sintetica ed illuminante" che ho ricevuto da un mio Paziente che soffriva di questo problema e che è stato poi da me curato grazie ai prismi percettivi attivi e a tutti gli esercizi di riabilitazione percettiva. Queste terapie coinvolgono più sensi ed organi.

Gentilissimo dr. Perissinotto,
nell'agosto 2012 giunsi al suo studio per una visita, spinto da un fastidioso "problema di ovattamento uditivo". Dopo un'iniziale diagnosi da lei fornita sulle varie e possibili cause di questo fastidio, entrò in gioco il concetto di dispercezione, appurato immediatamente ed oggettivamente dal netto miglioramento posturale derivato dall'applicazione dei prismi. Come ben ricorda ero scettico, in quanto "dis"informato al riguardo. Ma i miglioramenti del mio tenore fisico-psicologico, ad oggi, sono notevoli ed esponenziali. Per questo prima di tutto ci tengo a ringraziarla, ed ammiro la passione e la tenacia con cui Lei persegue il "voler aiutare il prossimo, prima di curarlo". Ciò detto, il motivo per cui le scrivo risiede nel fatto che, da persona curiosa e maggiormente informata riguardo l'argomento DIS-percezione rispetto al passato, ho intrapreso un "viaggio a ritroso nel tempo", (...).

1) Prima Infanzia: iniziai a parlare in ritardo (non troppo) rispetto ai miei coetanei. (...) Questa condizione di falsa-balbuzie si protrasse per anni, via via scemando fino a scomparire quasi del tutto. Tuttora però nel comunicare con le persone spesso tendo a pensare a troppe "cose" contemporaneamente, sottoforma di immagini, in modo astratto, ma con un significato ben preciso nella mia mente (con "cose" intendo anche concetti e pensieri direttamente, indirettamente, collegati e/o non collegati al discorso principale) (...). Risultavo (e risulto ancora a volte) impacciato, seppur coordinato nei vari movimenti. Molto spesso quindi sbattevo i piedi contro le gambe dei mobili, o urtavo la testa sui tavoli-tavolini, portavo a passeggio le tovaglie e via dicendo. (...) Se devo spostare una forchetta da una parte all'altra del piatto, o versare dell'acqua in un bicchiere, devo prima "calcolare" ogni mio movimento affinché riesca ad evitare disastri.

2) Scuola elementare: (...) mi sono sempre "contraddistinto" per la cattiva grafia. Inoltre scrivevo spesso le N, le E, le Z e i 3 al contrario, mentre di rado le B e le D (in minuscolo) e spesso mi capitava di pensare in che "verso" leggere e scrivere le O e gli 0.. se orario o antiorario. (...) Collegato al discorso lettura, assodato quanto detto precedentemente, mentalmente non avevo problemi di comprensione, ma "a voce alta" sì...sia che si trattasse della mia stessa voce, sia che fosse una voce di terzi. Il problema sussiste tutt'ora (...) Escogitai quindi il trucco di leggere mentalmente il paragrafo successivo a quello letto da un altro alunno, in modo tale da comprenderlo e poterlo leggere in modo maggiormente fluido all'eventuale chiamata della maestra.

3) (...) con i numeri, sempre alla scuola elementare, avevo grosse difficoltà. (...) di conseguenza iniziai usare assiduamente una calcolatrice perdendo quel poco di "elasticità mentale" che avevo con i numeri, finché mio padre, da bravo ingegnere elettronico, me la sequestrò e mi aiutò a utilizzare la testa. (...) Ora sono al secondo anno d’ingegneria aerospaziale, e quel prontuario l'ho ancora. E se i conti sono "semplici" tuttora uso le dita, ad esempio nel contare, prima di andare a dormire, quante ore di sonno mi aspettano al suono della sveglia. Per il resto mi sono sempre adattato in modo propositivo alle cose, senza mai farne un dramma o sentendomi "diverso". Siamo tutti esseri viventi, prima di tutto! Attendendo una sua risposta, la ringrazio vivamente del tempo dal lei concesso nel leggere questa mail e la saluto cordialmente.

Lettera firmata dal Paziente N 8572 di 21 anni

Le conseguenze della DISPERCEZIONE sono di due tipi:
a) nei giovani: si evidenziano disturbi cognitivi (dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia, difficoltà di apprendimento, disattenzione, difficoltà di concentrazione) ed è importante sottolineare che questi giovani pazienti hanno un quoziente intellettivo assolutamente normale. (vedi fig 1 senza e fig 2 con prismi percettivi attivi).

b) negli adulti: si manifestano con dolori di difficile interpretazione e cura (lombalgie, sciatalgie, cervicalgie, bruciore agli occhi, cefalee temporali, vertigini etc) (vedi fig 3 senza e fig 4 con prismi percettivi attivi).

Social
Dott. Carlo Perissinotto – DSA e Dislessia a Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Riabilitazione Neurosensoriale
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Carlo PERISSINOTTO    
Altro dal blog
Difficoltà di attenzione e di apprendimento possono avere conseguenze sul rendimento scolastico e sull’autostima.
Grazie alle agevolazioni previste dalla legge 170/2010, il bimbo con DSA viene posto nelle condizioni di coltivare la sua motivazione a imparare.
Con il Prof. Henrique Martins da Cunha, ha scoperto la relazione tra dislessia e deficit posturale, e introdotto il trattamento con prismi percettivi attivi.
Attraverso test specifici, lo specialista può stabilire se il bambino presenta disturbi dell'apprendimento e indicare una terapia efficace per stimolare modalità alternative di apprendimento.
Poco conosciuta, nonostante l’ampiezza dei suoi campi d’azione, è un metodo terapeutico efficace nel trattamento del dolore, cronico e acuto, di diverse patologie.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico