MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia-traumatologia e medicina dello sport    Sport  

Le vostre domande | Ernia del disco lombare: come riconoscerla?

Dott. Mario Bortolato - Ortopedico a Mestre
Dott. Mario BORTOLATO
 27 Novembre 2012

Ci risposte in nostro esperto dott. Mario Bortolato


L'ernia al disco lombare si manifesta con un dolore anche molto intenso, invalidante, che colpisce la parte bassa della schiena, cioè' il distretto lombare. Tipicamente, tale sintomatologia si irradia più' spesso ad uno, ma talora anche ad entrambi gli arti inferiori con il carattere di sciatalgia, cioè dolore ma anche formicolio che può arrivare fino al piede. A seconda del livello dell'ernia ( più' spesso  L4,L5 od S1 ) la sintomatologia può' localizzarsi nella parte anteriore, laterale, o posteriore dell'arto interessato. La diagnosi clinica va confermata con la Risonanza Magnetica Nucleare. Negli episodi iniziali il trattamento è solitamente conservativo, mentre nelle forme persistenti ed ingravescenti va preso in considerazione l' intervento chirurgico, che in molti casi può essere eseguito con procedura miniinvasiva, cioè con la microdiscectomia percutanea che ci consente di rimuovere l' ernia utilizzando un manipolo a radiofrequenza che viene introdotto mediante un incisione di 2-3 millimetri, con un ricovero in day surgey.


mario.bortolato@medicinamoderna.tv
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MEDICINA MODERNA


immagine: picstopin

Social
Dott. Mario Bortolato - Ortopedico a Mestre
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Mario BORTOLATO    
Altro dal blog
COSA POSSIAMO FARE?
Se il mal di schiena o il dolore cervicale diventa persistente ed invalidante va presa in considerazione la chirurgia mini-invasiva o quella percutanea.
Traumi, stenosi, discopatie, ernie, osteporosi: lo stress alla colonna vertebrale, con conseguenti dolori più o meno gravi, si manifesta in diversi modi.
Ogni mal di schiena può rappresentare una patologia a sè che deve essere trattata specificatamente. Indagini diagnostiche per alcuni dei casi più frequenti.
Alcuni accorgimenti sono utili per ridurre il rischio di insorgenza di dolori vertebrali. Se però i sintomi sono evidenti, è bene affidarsi a uno specialista.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico