MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Medicina generale   Salute e benessere  

Le vostre domande: Ernia diascale ed ozonoterapia: quali sono i vantaggi?

Dott. Giuseppe Amato
Dott. Giuseppe AMATO
 27 Novembre 2012

Risponde il nostro esperto, Dott.Giuseppe Amato


Molto ci sarebbe da dire sulla terapia dell’ernia discale ma per motivi di spazio mi limito a tre brevissime considerazioni e precisamente:

a) per fortuna da almeno quarant’anni il numero di interventi per ernia del disco si è ridotto in maniera drastica dal momento che nei follow-up si è visto che a distanza di tempo un’altissima percentuale di pazienti operati ha sviluppato quella sindrome che gli americani hanno definito FBSS cioè letteralmente “mal di schiena da fallimento della chirurgia”. Attualmente quindi l’intervento viene proposto solo in presenza di gravissimi deficit neurologici e di dolori resistenti ad ogni trattamento;

b) di contro hanno assunto sempre maggior rilevanza le terapie conservative che sono praticamente prive di effetti collaterali, se eseguite da mani esperte, e non precludono, anzi giustificano ancor più in caso di fallimento delle stesse, il ricorso all’atto chirurgico con approccio mininvasivo;

c) tra le varie terapie conservative trova ampia applicazione l’uso dell’ozono che, somministrato localmente per varie vie (intradiscale, peridurale, intraforaminale, paravertebrale) ha dimostrato grande efficacia nel ridurre le dimensioni dell’ernia e l’entità del conflitto disco radicolare con un netto miglioramento della ossigenazione della radice interessata e dell’edema radicolare con una significativa riduzione della sintomatologia dolorosa.

giuseppe.amato@medicinamoderna.tv

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MEDICINA MODERNA

Social
Altro dal blog
Anche i denti da latte si ammalano! Grazie ad un approccio psicologico corretto e ad un ambiente a misura di bambino, è possibile offrire ai piccoli pazienti delle cure non traumatiche e non invasive. È molto importante che questo percorso sia seguito da
Risponde secondo sua esperienza, l'esperto Dott. Amato
L'ozonoterapia è applicabile anche alle donne in gravidanza?
Traumi, stenosi, discopatie, ernie, osteporosi: lo stress alla colonna vertebrale, con conseguenti dolori più o meno gravi, si manifesta in diversi modi.
Ogni mal di schiena può rappresentare una patologia a sè che deve essere trattata specificatamente. Indagini diagnostiche per alcuni dei casi più frequenti.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico