MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bambini   Psicologia, psichiatria, sessuologia   Salute e benessere  

Legge 170/2010 per DSA: strumenti compensativi e misure dispensative

Di: Dott.ssa Elisabetta CARROZZONI

Legge 170/2010 per DSA: strumenti compensativi e misure dispensative

Grazie alle agevolazioni previste dalla legge 170/2010, il bimbo con DSA viene posto nelle condizioni di coltivare la sua motivazione a imparare.

Un motivo molto importante per accedere velocemente ad un percorso di valutazione della dislessia sta nel fatto che, una volta emessa la diagnosi, sia il bambino che i suoi genitori possono usufruire di tutte le agevolazioni previste dalla Legge Nazionale sui D.S.A (170/2010).

I genitori di un bambino con D.S.A. infatti hanno la possibilità di ottenere facilitazioni e permessi sul lavoro. I bambini, invece, sono riconosciuti dalla scuola come bambini con Bisogni Educativi Speciali (BES).

La Legge prevede che il Consiglio di Classe elabori per ciascuno di loro un Piano Didattico Personalizzato (P.D.P.) grazie al quale verrà elaborato un percorso educativo mirato e rispettoso delle sue specifiche caratteristiche.

Nel P.D.P. vengono definiti gli strumenti compensativi che il bambino può utilizzare in classe e le misure dispensative che gli insegnanti hanno deciso di adottare in suo favore.
 

Gli strumenti compensativi

Gli strumenti compensativi sono strumenti didattici e supporti tecnologici che semplificano l’attività del bambino. I più noti sono: le tabelle ed i formulari, la calcolatrice, il registratore, l’audio libro ed il libro digitale, lo scanner con software OCR (Riconoscitore Ottico di Caratteri) per trasformare l’immagine acquisita in un testo digitale e la sintesi vocale per convertire il testo digitale in formato audio, la videoscrittura con il correttore ortografico.

L’uso degli strumenti compensativi migliora il sentimento di auto-efficacia del bambino e la sua autostima poiché gli consentente di studiare da solo, senza bisogno di essere continuamente aiutato. In questo modo, promuovendo l’autonomia, aumenta anche la sua motivazione ad applicarsi nello studio.
 

Le misure dispensative

Le misure dispensative permettono al bambino di non svolgere, oppure di svolgere con alcuni accorgimenti, le prestazioni che risultino per lui particolarmente difficili proprio a causa del D.S.A. Ad esempio, può essere dispensato dall'uso del corsivo oppure dal copiare la lavagna o dal prendere appunti, può svolgere delle verifiche orali piuttosto che scritte oppure beneficiare di tempi supplementari per svolgerle.

La scuola non è abituata a fare una valutazione differenziata e differenziale poiché tradizionalmente tende a considerare questo atteggiamento flessibile un disvalore, una deroga al principio di imparzialità.

Al contrario, si può dire che le misure dispensative, lungi dal violare il valore dell’imparzialità, servono proprio a mettere il bambino con D.S.A. sullo stesso piano dei suoi compagni, consentendo agli insegnanti di distinguere le competenze dalle abilità e di valutare l’impegno e non solo il risultato finale.
 

La relazione con la scuola

È molto importante instaurare e mantenere una relazione costruttiva con la scuola poiché la collaborazione tra le diverse figure che si prendono cura del bambino è uno degli elementi cruciali per la buona riuscita del suo percorso educativo.

È necessario perciò costruire in sinergia una rete di sostegno efficace affinché i bambini con D.S.A. possano coltivare la motivazione ad imparare ed a realizzare pienamente le proprie potenzialità.
Dott.ssa Elisabetta Carrozzoni - Psicologa a Conegliano
Hai bisogno di un consulto in
Psicologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott.ssa Elisabetta CARROZZONI    
Altro dal blog
Difficoltà di attenzione e di apprendimento possono avere conseguenze sul rendimento scolastico e sull’autostima.
Con il Prof. Henrique Martins da Cunha, ha scoperto la relazione tra dislessia e deficit posturale, e introdotto il trattamento con prismi percettivi attivi.
Attraverso test specifici, lo specialista può stabilire se il bambino presenta disturbi dell'apprendimento e indicare una terapia efficace per stimolare modalità alternative di apprendimento.
Un'errata percezione del mondo circostante da parte dei nostri sensi potrebbe dar luogo a disturbi dell'apprendimento, della concentrazione e a dolori.
Ricomincia la scuola, e i genitori hanno molto a cui pensare: i nuovi obblighi vaccinali, la gestione del tempo tra sport e compiti per casa e non solo.
Meglio parlare di trattamento o training educativo abilitativo. Il bimbo con DSA non deve recuperare ma acquisire processi cognitivi che non possiede.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico