MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Oculistica   Salute e benessere  

Lenti a contatto sclerali: occhio secco ma non solo

Di:
Dott.ssa Antonella VECCHIES

Lenti a contatto sclerali: occhio secco ma non solo

Correggono le alterazioni della curvatura corneale e proteggono la cornea sia in pazienti che soffrono di occhio secco sia in caso di cheratocono, cheratoglobo o post chirurgia refrattiva.

Le lenti a contatto sclerali, o a grande diametro, sono una particolare tipologia di lenti utilizzate per la correzione della visione in presenza di cornea irregolare. Rappresenta un vantaggio rispetto alle normali lenti a contatto, a piccolo diametro, perché ne elimina alcuni disagi quali cattiva centratura, fastidio, frequente spostamento. 
 

Qual è l'indicazione principale all'utilizzo delle lenti a contatto sclerali?

L'indicazione principale è la correzione di cornee irregolari al fine di migliorare la performance visiva. Le ectasie corneali, caratterizzate dall'alterazione della normale curvatura corneale, possono essere suddivise in due gruppi. Il primo comprende il cheratocono, il cheratoglobo e la degenerazione marginale pellucida. Il secondo gruppo include le ectasie post-chirurgia refrattiva, LASIK, LASEK, PRK, cheratotomia radiale e traumi. Gli innesti corneali, in particolare la tecnica di cheratoplastica penetrante, spesso richiedono una lente a contatto post-intervento per ripristinare la visione. Una lente sclerale può essere indicata in molti di questi casi.
 

Perché può essere applicata una lente sclerale in un occhio secco?

La protezione corneale è una delle funzioni della lente sclerale. Vi sono pazienti che presentano alterazioni della superficie oculare in cui è particolarmente indicato l'utilizzo delle lenti sclerali per il mantenimento di un serbatoio di liquido lacrimale al di sotto della lente. La sindrome di Sjögren è una indicazione comune all'utilizzo di tali lenti. Può essere una buona indicazione anche se la chiusura della palpebra è incompleta come nell'esoftalmo, nelle paralisi dei nervi e dopo la chirurgia della retrazione palpebrale. Anche in casi di trichiasi ed entropion le lenti sclerali risultano efficaci per la protezione della superficie oculare.
 

Perché la lente a contatto sclerale risulta migliore di una lente tradizionale?

Oltre a fornire un importante serbatoio di lacrima, fondamentale per l'integrità corneale e per neutralizzare le irregolarità della superficie, la lente sclerale riesce a evitare qualsiasi contatto meccanico e preservare l'integrità della cornea, grazie alle sue grandi dimensioni.
 

Quali esami sono necessari per l'applicazione delle lenti sclerali?

L'OCT del segmento anteriore è l'esame fondamentale per l'applicazione corretta delle lenti sclerali. Esso consente di valutare l'intero spessore corneale e l'eventuale presenza di edema corneale, oltre a misurare la profondità sagittale dell'occhio e lo spessore posteriore del film lacrimale. Ci permette di analizzare l'intera superficie indicando con esattezza il profilo e il posizionamento corretto della lente. L'OCT del segmento anteriore viene eseguito prima e durante l'applicazione della lente di prova per l'esatta valutazione della lente definitiva. La topografia corneale e l'esame a lampada a fessura vengono sempre eseguiti di routine in tutte le applicazioni.

Altro dal blog
Ora è possibile migliorare e correggere un difetto visivo senza chirurgia, grazie all’uso di speciali lenti a contatto gas permeabili che, indossate di notte, rimodellano la superficie della cornea permettendo una visione ottimale di giorno, senza bisogno
Esame rapido e non invasivo, l'OCT è indicata per pazienti nei quali si sospetti una malattia della cornea, della retina o del nervo ottico.
I trattamenti laser per le malattie della retina, i casi di glaucoma grave e post cataratta.
In alcune fasi della sua vita, la donna è maggiormente predisposta allo sviluppo di alcune malattie degli occhi.
Sembra impossibile ma non lo è. Esistono, infatti, delle speciali lenti che, indossate durante la notte, permettono di vedere bene per tutto il giorno.
Con il laser a femtosecondi, l'intervento correttivo dei difetti visivi aumenta in sicurezza e precisione. Liberarsi da occhiali e lenti a contatto è sempre più semplice.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico