MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bellezza   Chirurgia Estetica  

MASTOPLASTICA: PERCHÉ PREDILIGERE LE PROTESI ANATOMICHE

Dott Alessandro Morelli Coghi – Chirurgo plastico
Dott. Alessandro MORELLI COGHI
 28 Ottobre 2013

INTERVIENE IL DOTTOR ALESSANDRO MORELLI COGHI


Le protesi mammarie sono di due tipi fondamentalmente: rotonde e anatomiche, o “a goccia”.

Sono come delle semisfere con la massima proiezione a metà della protesi. Le seconde, hanno invece un profilo asimmetrico, con maggior proiezione nella parte inferiore della protesi. Nonostante le protesi rotonde siano state largamente utilizzate in passato, il trend mondiale è ora quello di preferire le protesi anatomiche, perché si è visto come questo tipo di impianto mantenga una forma naturale e piacevole nel tempo, molto di più che le protesi rotonde.

In effetti, nella mia esperienza, la protesi “a goccia” è molto più naturale e piacevole da vedere, soprattutto in bikini o a seno scoperto. Per questo motivo, in questo periodo in circa il 90% degli impianti che eseguo, utilizzo protesi anatomiche.

 

 

Leggi anche: MASTOPLASTICA: CONOSCERE I TIPI DI PROTESI 

 

Hai altre domande? Contatta il nostro specialista: alessandro.morellicoghi@medicinamoderna.tv

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MEDICINA MODERNA

Social
Dott Alessandro Morelli Coghi – Chirurgo plastico
Hai bisogno di un consulto in
Chirurgia Plastica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Alessandro MORELLI COGHI    
Altro dal blog
L’impianto di una protesi peniena consente riabilitazione sessuale del paziente affetto da disfunzione erettile grave nei casi non responsivi alla terapia orale e locale.
L'équipe di medicina fisica e riabilitazione a Casa di Cura Villa Maria è preparato alla gestione di pazienti con amputazione sia dal punto di vista fisico-riabilitativo che psicologico.
Chi desidera sottoporsi al rimodellamento del seno ha spesso dei dubbi in merito alla sicurezza delle protesi e alla polizza di garanzia a vita.
Personalizzazione e sicurezza sono le nuove parole d'ordine della chirurgia estetica. Il Dott. Ranieri spiega come le protesi si adattano alle tue esigenze.
La Breast Unit diretta dal Dott. Papaccio insieme alla Chirurgia toracica e alla Chirurgia plastica contro una forma tumorale molto aggressiva.
Le garanzie delle moderne tecniche di chirurgia estetica: un risultato naturale, protesi garantite a vita, nessun rischio per gravidanze future.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico