MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ematologia   Ortopedia-traumatologia e medicina dello sport    Salute e benessere   Sport  

Medicina sportiva

Doping: quali sono i metodi illeciti per migliorare le prestazioni


Sono diversi i sistemi che alcuni atleti usano per doparsi, cioè per aumentare artificialmente e illegalmente le loro prestazioni. Giovanni Tredici, responsabile del servizio sanitario del Giro d'Italia spiega ad OK quali sono i principali.

AUTOTRASFUSIONE: è il tipo di doping, detto ematico. All'atleta si preleva fino a un litro e mezzo di sangue, che viene conservato in frigorifero con l'aggiunta di sostanze anticoagulanti. Nell'arco di 20-30 giorni, il sangue si riforma. Poche ore prima della gara, quello che era stato prelevato viene reiniettato, facendo aumentare il volume complessivo fino a sei litri e mezzo circa e accrescendo di conseguenza il numero dei globuli rossi: così ai muscoli arriverà più ossigeno, con una più rapida produzione di energia e dunque migliori prestazioni e maggiore resistenza alla fatica. Ma l'autotrasfusione porta con sé dei danni, se protratta: il cuore viene sottoposto a un super lavoro; l'eccesso di globuli rossi apporta una quantità spesso tossica di ferro (contenuto nell'emoglobina, la molecola dei globuli rossi implicata nel trasporto dell'ossigeno); l'eccessiva ossigenazione determina un'usura superiore alla norma dei tessuti; si possono alterare i meccanismi deputati alla produzione delle cellule ematiche, aprendo le porte a malattie autoimmuni, tumori e patologie cerebrovascolari.

OSSIGENO-OZONOTERAPIA: forma di doping sempre a effetti energizzanti. Piccole quantità di sangue prelevate vengono fatte passare attraverso una macchina che libera molecole di ozono e reimmesse subito dopo nell'organismo. A contatto con il sangue, l'ozono si scinde in molecole di ossigeno, che si legano ai globuli rossi, e in singoli atomi instabili elettricamente (ioni), che reagiscono con i tessuti circostanti. I pericoli sono simili a quelli del doping ematico.

ERITROPOIETINA: in sigla Epo, stimola la produzione di globuli rossi da parte del midollo osseo e quindi la quantità di ossigeno nel sangue. Questo ormone, naturalmente prodotto dai reni, viene venduto in forma sintetica come medicinale per i pazienti in dialisi o con insufficienza renale e ogni altro uso è vietato in Italia. L'eritropoietina rende più denso il sangue (nei casi estremi, lo trasforma in una specie di pappa), con gravi rischi di trombi.

ANABOLIZZANTI. Sostanze come gli steroidi, in grado di attivare la produzione di nuove cellule muscolari, vengono utilizzate illegalmente da certi atleti per migliorare le performance. Sono pericolose, perché danneggiano il fegato, la fertilità e possono indurre irritabilità, aggressività, ansia.

Tratto da: OK Salute e benessere
http://www.ok-salute.it/benessere-fitness/12_a_doping-epo.shtml



 

Social
Altro dal blog
Appuntamento giovedì 24 ottobre a Palazzo Altan Venanzio, sede della biblioteca civica
Oggi, con la presentazione ufficiale in municipio, è iniziato il conto alla rovescia per la manifestazione nata nel 2017 con l’obiettivo di sostenere il progetto “Giocare in corsia”.
Un valido ausilio tre volte più accurato rispetto alla tecnica manuale e che permette un tempo di recupero ridotto.
Accessorio inutile e ingombrante, o funzionale e individualizzato?
Il doping è un problema molto diffuso ai nostri giorni, originato da una competitività fuori controllo
L'OPINIONE DEL NOSTRO SPECIALISTA IN MEDICINA DELLO SPORT, IL DOTTOR FEDERICO PASTEUR
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico