MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione

Il melasma: creme schiarenti? No, grazie.

Le macchie scure sul volto necessitano di un trattamento idoneo, su indicazione dello specialista

Il melasma: creme schiarenti? No, grazie.

Il melasma è una forma di iperpigmentazione cutanea acquisita del volto a distribuzione simmetrica.

 

Si tratta di una vera e propria patologia?

Non si tratta di una patologia nel senso proprio del termine, poiché non c’è alcuna disfunzione dei fisiologici meccanismi della pigmentazione cutanea. Il melasma viene classificato in tre forme cliniche a seconda dell’area del viso coinvolta: centrofacciale, malare e mandibolare. Anche se la forma centrofacciale è quella di più frequente riscontro, spesso ci si trova di fronte ad un quadro clinico misto. Esiste un'altra classificazione basata sulla profondità di localizzazione del pigmento nella cute, particolarmente utile per individuare un trattamento adeguato e prevederne l'esito. Mettendo da parte i tecnicismi, si tratta di una condizione clinica che ha spesso un notevole impatto sulla qualità della vita degli individui affetti, a causa della localizzazione al volto e delle difficoltà terapeutiche.  
 

Per quale motivo colpisce esclusivamente, o quasi, le donne?

Il melasma è nove volte più frequente nella donna che nell’uomo. La maggiore incidenza di questa condizione nella donna è imputabile all’attività degli estrogeni, i cui livelli aumentano durante la gravidanza, e alle terapie ormonali, compresi i contraccettivi orali. Oltre alle influenze ormonali, la fotoesposizione cronica e la predisposizione genetica sono i principali fattori di rischio per il suo sviluppo.
 

Quali sono le cose da NON fare? 

La cosa da non fare è fidarsi del passaparola e dei suggerimenti fai da te. La cosa da fare è affidarsi al professionista. I peeling aggressivi e le tecniche di dermoabrasione sono da evitare perché possono causare iperpigmentazione post-infiammatoria, con peggioramento del quadro clinico. Peeling meno aggressivi possono essere usati come adiuvanti nella terapia del melasma, ma difficilmente sono risolutivi, se non nelle forme dove la pigmentazione è più superficiale. Le creme schiarenti cosmetiche fungono anch’esse spesso da ausilio terapeutico ma hanno scarsa efficacia se utilizzate da sole. 
 

Quali sono i trattamenti efficaci per prevenire e curare il melasma?

L’utilizzo di preparazioni a base di idrochinone, steroidi e retinoidi per uso topico rappresenta tuttora, nella maggior parte dei casi, il trattamento di scelta. Tuttavia, i migliori risultati si ottengono integrando le varie terapie a disposizione (laser, peeling superficiali, microiniezioni…) sulla base delle caratteristiche del paziente. Una fotoprotezione adeguata è la miglior forma di prevenzione del melasma e delle sue recidive.

 
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico