MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione

Perché l'anguria è difficile da digerire

Succosa e freschissima, col caldo non le si può resistere, ma in molti fatichiamo a digerirla. La colpa però è nostra...

Anguria matura divisa in due

L’anguria: verde e dura fuori, rossa e succosissima dentro…è la regina indiscussa dell’estate. 

Composta per lo più d’acqua, circa il 95%, che le conferisce un altissimo potere saziante a bassissimo contenuto calorico (30 cal ogni 100 grammi), è dissetante, diuretica e depurativa e contiene diversi tipi di vitamine (vitamine dei gruppi A, B1, B2 e C) e minerali (magnesio e potassio), quindi è ottima per recuperare le sostanze perse con la sudorazione e in caso di spossatezza dovuta all’afa estiva. Presenta inoltre diversi tipi di antiossidanti come il licopene, a cui deve il suo colore rosso. La presenza di vitamina C e potassio in particolare avrebbe un’azione depurativa e detossificante che rende l’anguria un frutto ideale per contrastare in maniera naturale la ritenzione dei liquidi, il gonfiore alle gambe e l’ipertensione.
E forse non tutti sanno che ne esistono circa 50 specie!

Scopriamo perché l'anguria è difficile da digerire.

Non è dovuto tanto al frutto in sé, quanto alle nostre abitudini di consumo: generalmente la mangiamo a conclusione di un pasto e bella fredda. 
L’anguria, come detto all’inizio, è ricchissima d’acqua e ha un grande potere saziante. A conclusione di un pasto, l’anguria dà inevitabilmente senso di pesantezza proprio perché tutta l’acqua contenuta al suo interno, va a riempire ulteriormente il nostro stomaco, diluendo moltissimo i succhi gastrici (rendendo la digestione più difficile). Inoltre a chi non piace bella fredda? Non è l’anguria a farci male, ma il modo in cui la mangiamo.

Per questo, soprattutto per chi ha problemi di digestione, gastrite o colite, è preferibile mangiarla lontano dai pasti. 


Se ti è piaciuto questo articolo, ti può interessare anche questo

 
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 62.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv