MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bambini   Ginecologia-ostetricia e urologia  

Dottore, perchè non rimango incinta?

Dott. Andrea Borini - Procreazione Assistita a Treviso
Dott. Andrea BORINI
 30 Dicembre 2018

Dottore, perchè non rimango incinta?

Le cause, gli accertamenti e le soluzioni quando la gravidanza si fa attendere più del previsto.

Ogni anno, l’Istat restituisce un quadro del nostro Paese a tinte sempre più fosche rispetto alla natalità: diminuisce il numero medio di figli per coppia e si alza l’età media del primo, spesso unico, parto. Talvolta, purtroppo, non è la coppia a scegliere di rimandare o rinunciare a un figlio ma è la gravidanza che tarda ad arrivare. E molto spesso, questo capita senza che la coppia avesse mai nemmeno ipotizzato di poter avere difficoltà a concepire.

 

Come mai non rimango incinta?

Le coppie a volte si stupiscono di avere problemi a concepire: in assenza di patologie note pregresse, non si aspettano di avere difficoltà. Ad esempio il peso dell’età, soprattutto femminile, nella ricerca della gravidanza è spesso molto sottovalutato. Certo, altre volte l’età non è il fattore determinante e i problemi sono da ricercare altrove.
 

Quanto tempo deve passare prima di preoccuparci e dover affrontare la potenziale sterilità?

Tecnicamente, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’allarme dovrebbe scattare dopo 12-24 mesi di tentativi andati ‘a vuoto’. Naturalmente, ogni caso è diverso: se, ad esempio, si può supporre l'esistenza di un problema pregresso mai diagnosticato, o se l'età della partner femminile è superiore ai 37 anni, si può valutare come problematica l'assenza di concepimento anche prima dei 12 mesi. In questi casi, dopo 6-12 mesi di rapporti liberi non protetti, sarebbe opportuno dare avvio agli approfondimenti diagnostici.
 

Quali sono gli esami suggeriti per la donna?

Possono esserci molte possibili cause, per questo gli accertamenti coinvolgono tutto l'apparato riproduttivo. Inoltre, si analizza la condizione dal punto di vista ormonale per avere un quadro completo e definire il percorso possibile. Per la partner femminile, gli esami suggeriti sono: esami del sangue con dosaggio ormonale (AMH od ormone antimulleriano, FSH, ormone follicolo-stimolante ed estradiolo), tramite i quali si verifica la funzionalità ovarica; un'ecografia, se possibile 3D, per una valutazione accurata dell'utero ed eventualmente un' isterosalpingografia per verificare il corretto funzionamento delle tube di Falloppio.


 

E per il partner maschile?

Il primo test da eseguire è uno spermiogramma che permette allo specialista di capire, tra le altre cose, se il seme ha una motilità sufficiente. Complessivamente, l’iter diagnostico ci permetterà di capire se è opportuno dare avvio al percorso di fecondazione assistita.

 

Se i risultati confermano la presenza di criticità, cosa si può fare?

Le strade possibili sono molte: la medicina della riproduzione, negli ultimi anni, ha definito molti protocolli diversi che aiutano le coppie a stringere tra le braccia il loro bimbo: si va dall'inseminazione intrauterina (IUI) alla vera e propria fecondazione in vitro, con transfer dell’embrione formatosi in laboratorio, con l’aiuto della iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo (ICSI) o senza (FIVET). Noi specialisti siamo al fianco delle coppie, per capire insieme quale sia la strada migliore per ogni situazione.

Social
Dott. Andrea Borini - Procreazione Assistita a Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Ginecologia - Ostetricia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Andrea BORINI    
Altro dal blog
La diagnosi prenatale comprende indagini strumentali e di laboratorio con la finalità di monitorare il feto sin dalle prime fasi del suo sviluppo fino al parto
Quando c’è difficoltà nel raggiungere il piacere.
Oggi il menarca è considerato normale tra 10 ed i 14 anni, talvolta però subentrano delle problematiche del ciclo, che è bene non sottovalutare.
L'efficacia e la comodità delle nuove spirali a basso rilascio di progesterone.
Cosa è cambiato nel mondo della procreazione medicalmente assistita da quando è nata Louise Joy Brown, la prima ‘figlia della provetta’?
Molti dei dubbi che nutriamo sulla fecondazione assistita sono privi di fondamento. Vediamone alcuni
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico