MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Psicologia, psichiatria, sessuologia   Salute e benessere  

Riconoscere la prostatite

Dott. Domenico Massari - Urologo e Andrologo
Dott. Domenico MASSARI
 30 Agosto 2018

Uomo che se tocca la zona perianale per riconoscere un fastidio

E’ fondamentale riconoscere la causa d’infiammazione della prostata per individuare la giusta terapia.

Da non confondere con l'aumento del volume della prostata (ipertrofia prostatica) o con il tumore alla prostata, la prostatite è un processo infiammatorio della ghiandola prostatica  e delle aree circostanti.  Approfondiamo l’argomento con il Dottor Massari, urologo.

 

I sintomi che possono far accedere un “campanello d’allarme

La prostatite acuta si presenta improvvisamente, con febbre anche molto alta, urgenza e bruciore minzionale, fastidio nell’area perineale ed in alcuni casi si può notare anche sangue nelle urine e/o nello sperma.  Questi sintomi palesi inducono il paziente a rivolgersi rapidamente al medico che individuerà la procedura per identificare il batterio e la terapia antibiotica adeguata.

Le prostatiti tendono a cronicizzarsi alternando periodi asintomatici a periodi di ricadute, motivo per il quale le terapie arrivano a prolungarsi mesi.


Quando la prostatite è di origine non-batterica o si è cronicizzata a causa di ricadute, i sintomi sono più sfumati: niente febbre, ma lievi disturbi minzionali e  necessità di urinare più spesso soprattutto la notte e, talvolta, calo dell’erezione con disturbi eiaculatori

A queste tipologie si aggiungono le prostatiti silenti. Buona parte dei pazienti, infatti, è affetta da prostatite infiammatoria asintomatica e, non ne è consapevole finché non si rivolge all’urologo per altre patologie del tratto urinario e riproduttivo.

 

Come avviene la diagnosi e quali sono le terapie

Mentre la diagnosi risulta immediata per le forme batteriche trattabili con terapia antibiotica, il discorso è più complesso per le assai diffuse prostatiti abatteriche e asintomatiche in quanto le cause non sono, ad oggi, totalmente chiare.

Recenti studi sostengono la genesi multifattoriale dell’infiammazione e la identificano come principale causa dell’ipertrofia prostatica legata all’invecchiamento e presente dopo i 45 anni. In questi casi, la diagnosi di prostatite si basa sull'anamnesi, alcuni esami microbiologici e, soprattutto, sull'esplorazione rettale che evidenzierà una prostata dolente, congesta ed aumentata di volume.

 

Quali precauzioni adottare 

E' utile adottare uno stile di vita sano e sottoporsi a visita uro-andrologica periodica anche in pieno benessere, in particolare con cadenza annuale altresì in giovane età.
E’ consigliato bere almeno due litri di acqua al giorno e  seguire un regime alimentare salutare, preferendo cibi poveri di grassi saturi e cibi ricchi di sostanze antiossidanti come la vitamina A, vitamina E, licopene (contenuti nella buccia dei pomodori), selenio e zinco. 

Sono da evitare cibi speziati, insaccati e bevande alcoliche in particolare la birra per l’elevato contenuto di lieviti.

L’attività fisica va praticata con costanza e sono da prediligere le attività di tipo aerobico che riducono la congestione del pavimento pelvico.

Non sono da sottovalutare, inoltre, i benefici dell’attività sessuale che, se praticata con regolarità, evita il ristagno di secrezioni nella ghiandola prostatica ed eventuali conseguenti infezioni seminali.

 

Ci sono conseguenze se la malattia non viene trattata?

Le prostatiti devono essere riconosciute e curate per evitare gravi conseguenze sulla fertilità, poiché possono compromettere la salute degli spermatozoi.

E' fondamentale naturalmente prevenire i fattori di rischio e agire con tempismo e terapie mirate dopo l'accurata diagnosi di uno specialista urologo.

Social
Dott. Domenico Massari - Urologo e Andrologo
Hai bisogno di un consulto in
Urologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Domenico MASSARI    
Altro dal blog
Rezum, la nuova terapia a vapore acqueo per curare l’ipertrofia prostatica benigna
CHI SOFFRE DI UNA PATOLOGIA PROSTATICA PUÒ VIVERE SERENAMENTE, CONSCIO DEI DIVERSI APPROCCI TERAPEUTICI
La laparoscopia robot-assistita è l'evoluzione più moderna della tecnica nel trattamento chirurgico del tumore prostatico.
Un approccio mini-invasivo per problemi alla prostata.
Può manifestarsi a qualunque età e merita sempre un approfondimento medico.
Attualità in tema di trattamento della calcolosi reno ureterale.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico