MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Salute e benessere  

La riabilitazione del paziente amputato: un percorso di recupero speciale

Di:
Dott. Andrea ZATTIN

La riabilitazione del paziente amputato: un percorso di recupero speciale

L'équipe di medicina fisica e riabilitazione a Casa di Cura Villa Maria è preparato alla gestione di pazienti con amputazione sia dal punto di vista fisico-riabilitativo che psicologico.

La riabilitazione del paziente amputato ha lo scopo di consentire la massima autonomia dell'individuo, riducendo o annullando la condizione di svantaggio sociale con il miglioramento della qualità di vita del soggetto.
 

Come inizia il percorso di riabilitazione per amputati

Il ricovero avviene a breve distanza dall'amputazione, generalmente con trasferimento diretto dall'ospedale in cui il paziente è stato operato. Il nostro è un approccio multidisciplinare e coinvolge oltre al medico fisiatra e ai fisioterapisti, lo psicologo e il tecnico ortopedico. Tutto il personale del reparto (come gli infermieri e gli operatori) è formato sulla gestione della persona amputata e può fornire indicazioni e informazioni utili al paziente.
 

La prima fase del programma riabilitativo

Si inizia con la fase pre-protesica già nei primi giorni di ricovero con l'obiettivo di ripristinare le buone condizioni generali del paziente, la prevenzione di contratture, retrazioni o rigidità dell'arto amputato e la cura del moncone, in modo da facilitare la cicatrizzazione della ferita chirurgica, l'adeguato trofismo della cute e il modellamento dell'arto amputato in vista della protesizzazione. L'équipe infermieristica è composta di professionisti preparati nella gestione di ferite complesse, potendo usufruire di presidi all'avanguardia per le medicazioni avanzate. Già dai primi giorni di degenza, viene posizionata una cuffia in silicone che, grazie alla sua particolare conformazione e gradualità di compressione, permette un migliore controllo delle dimensioni del moncone stesso e consente di raggiungere la protesizzazione in tempi più rapidi.
 

Come viene gestito il necessario sostegno psicologico

Soprattutto in questo primo periodo, poniamo particolare attenzione al controllo del dolore e alla sindrome da arto fantasma. Sul piano motorio, sosteniamo il paziente nel rinforzo muscolare e nella rieducazione all'autonomia nei passaggi posturali e nel trasferimento in carrozzina. Il paziente viene inoltre preso in carico sul piano psicologico con l'obiettivo di facilitare l'accettazione del cambiamento del proprio aspetto corporeo e di favorire sul piano motivazionale l'adesione al trattamento proposto.
 

Costruzione e gestione della protesi

Il percorso, assolutamente personalizzato, di costruzione della protesi viene avviato non appena le dimensioni del moncone si sono stabilizzate. Nel frattempo, il paziente che ha raggiunto un quadro sufficiente di autonomia nelle attività di base rientra a domicilio e viene istruito sulla gestione della cuffia in silicone, sulle posture da evitare e gli esercizi da continuare da solo. La seconda fase, quella di protesizzazione, inizia quando la protesi di arto è disponibile e il paziente viene contattato per un nuovo ricovero. Vengono proposti esercizi di carico, equilibrio, propriocezione, controllo posturale, insistendo sulle corrette sequenze di movimento e carico degli arti. Il paziente viene addestrato su come indossare autonomamente la protesi e calzarla per tempi via via crescenti, fino ad abituarsi all'utilizzo giornaliero. Il contatto continuo con il tecnico ortopedico consente aggiustamenti della protesi mentre procede la riabilitazione.

Altro dal blog
Visita ortopedica, valutazione posturologica e rieducazione funzionale sono il percorso consigliato per risolvere lesioni e traumi anche recidivanti.
Un problema che colpisce prevalentemente le donne, ma non solo, è che causa diversi imbarazzi. Ma la soluzione esiste
A distanza di 18 anni dall’insediamento, un restyling nel nome del maggiore risparmio energetico e dell’adeguamento prevenzione antincendi.
La riabilitazione del pavimento pelvico è un approccio non invasivo per curare e prevenire le disfunzioni del pavimento pelvico
Chi desidera sottoporsi al rimodellamento del seno ha spesso dei dubbi in merito alla sicurezza delle protesi e alla polizza di garanzia a vita.
Personalizzazione e sicurezza sono le nuove parole d'ordine della chirurgia estetica. Il Dott. Ranieri spiega come le protesi si adattano alle tue esigenze.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico