MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia-traumatologia e medicina dello sport    Sport   Tecnologia  

La robotica rivoluziona la chirurgia protesica del ginocchio

Dott. Claudio Khabbazè - Ortopedico
Dott. Claudio KHABBAZÈ
 03 Settembre 2019

Il chirurgo ha a disposizione un “valido aiuto” che lo agevola specialmente negli interventi più difficili.

Il chirurgo ha a disposizione un “valido aiuto” che lo agevola specialmente negli interventi più difficili.

La chirurgia robotica ha rivoluzionato il modus operandi degli  specialisti che si occupano di chirurgia protesica. Si può paragonare al navigatore dell’automobile: un valido strumento, a volte insostituibile, che utilizziamo comunemente quando non conosciamo la via per raggiungere il nostro obiettivo. Ci aiuta quando non conosciamo il percorso, ma può risultare non necessario quando percorriamo i tragitti abituali.


Come avviene la procedura?


Durante la procedura robot-assistita, il chirurgo utilizza un braccio meccanico robotizzato per creare, con precisione millimetrica, l’alloggiamento dei componenti della protesi, usando come guida un modello virtuale tridimensionale del ginocchio del paziente, elaborato da un sistema computerizzato che sfrutta le immagini della tomografia computerizzata (TAC) acquisite prima dell’intervento.


Quali sono i suoi vantaggi?


Rispetto alle tecniche tradizionali, la chirurgia robotica si associa a numerosi vantaggi:
• posizionamento dell’impianto più accurato;
• maggior selettività, senza intaccare i tessuti circostanti e le parti sane dell’articolazione;
• maggior sicurezza;
• ridotta invasività, rispetto dell’equilibrio legamentoso, minor necessità di visualizzare l’articolazione.
Precisione, accuratezza e sicurezza della procedura si traducono in una minor perdita di sangue durante l’intervento, tempi di recupero post-operatorio più brevi, minor dolore e minor disagio per il paziente.


In cosa consiste il protocollo FAST-Track?


Laddove le condizioni cliniche del paziente lo permettano, si adotta il protocollo cosiddetto FAST-Track, che prevede una serie di accorgimenti dal pre operatorio al post dimissione, mirati al rapido recupero della funzionalità. Ciò consente al paziente di poter deambulare il giorno successivo all’intervento, se non il giorno stesso, e riacquisire al più presto la funzionalità articolare. Questo si traduce non solo in una degenza ridotta (3-5 gg), ma anche in un risultato clinico migliore.


Ci sono delle controindicazioni?


Le indicazioni e le controindicazioni sono le medesime della chirurgia protesica con tecnica tradizionale. Con il robot possono essere effettuati interventi di chirurgia protesica per l’impianto sia di protesi parziali (monocompartimentali) sia di protesi totali. Le protesi mono-compartimentali, in particolare, rappresentano normalmente per l’ortopedico un intervento chirurgico più difficile rispetto ad una protesi totale e a volte, specie se in mani inesperte, possono dare risultati non ottimali, se non addirittura deludenti. La chirurgia robotica, in questo caso, si è dimostrata un valido aiuto, tanto che gli studi scientifici internazionali, ai quali peraltro ho apportato il mio contributo personale, hanno dimostrato una maggior sopravvivenza nel breve e medio termine (circa il doppio) delle protesi monocompartimentali impiantate con la chirurgia robotica rispetto alla chirurgia tradizionale.


Da quanto tempo utilizza il robot?


Ho iniziato nel 2011, effettuando oltre 500 impianti come primo operatore. I risultati sono eccezionali, sia in ambito strettamente clinico che in termini di riscontro e soddisfazione da parte dei pazienti.
 
Social
Dott. Claudio Khabbazè - Ortopedico
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Claudio KHABBAZÈ    
Altro dal blog
Possibilità di pianificare al dettaglio l’intervento e ripresa più rapida i maggiori vantaggi
Dal tessuto adiposo arrivano le nuove biotecnologie per i tendini.
Se il mal di schiena o il dolore cervicale diventa persistente ed invalidante va presa in considerazione la chirurgia mini-invasiva o quella percutanea.
Il sesso maggiormente colpito dalla scoliosi è femminile, con un rapporto femmine: maschi di circa 3:1.
Un valido ausilio tre volte più accurato rispetto alla tecnica manuale e che permette un tempo di recupero ridotto.
Ad affettuarlo l’equipe del dottor Davide Bertolini, luminare nella pratica chirurgica con il robot Rio Mako
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico