MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Analisi   Cardiologia   Medicina generale   Salute e benessere  

SALUTE | ECOCOLOR-DOPPLER

Dott. Giovanni Mellone
Dott. Giovanni MELLONE
 13 Novembre 2014

IL RUOLO DELL’ESAME NELLA PREVENZIONE


Dottor Mellone, quali sono le caratteristiche e la funzione del tipo di indagine che lei effettua e a chi si rivolge? L’ecocolor-doppler è un esame semplice, non invasivo, di rapida esecuzione che mediante l’utilizzo di ultrasuoni consente una visualizzazione completa ed uno studio accurato di tutte le arterie e le vene del corpo con esclusione della sola regione del torace. Permette così di fare o confermare diagnosi di malattie arteriose e venose quali ad esempio aneurismi, arteriopatie, cioè restringimenti o occlusioni delle arterie, trombosi venose, malattia varicosa delle gambe. Trova essenzialmente indicazione in presenza di uno o più fattori di rischio per aterosclerosi (ipertensione arteriosa, diabete mellito, ipercolesterolemia, fumo di sigaretta, obesità, cardiopatia ischemica nota...), in caso di sospetta malattia varicosa, in situazioni di “gambe gonfie”, nel sospetto di una trombosi venosa, e nelle difficoltà alla deambulazione (malattia “delle vetrine”).

Come viene eseguito un esame ecocolor-doppler e di quale strumentazione si avvale? La strumentazione necessaria è un ecografo dotato di sistema color-doppler ad alta definizione e di sonde specifiche per lo studio delle vene e delle arterie. Del tutto simile ad una normale ecografia, prevede l’applicazione di un gel d’acqua sulla cute, anallergico e non irritante, ed il passaggio di una sonda ecografica; dura mediamente 15 minuti, si esegue in posizione supina e per il sistema venoso delle gambe anche in posizione semi-seduta ed in piedi. Il responso e la relativa refertazione sono immediati.

Qual è il ruolo della prevenzione? Quando è opportuno effettuare un esame ecocolor-doppler? Quando ripeterlo? Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte nei paesi industrializzati. I principali fattori di rischio conosciuti sono il fumo di tabacco, l’ipertensione arteriosa, i livelli elevati di colesterolo nel sangue, il diabete mellito, l’obesità e la sedentarietà. Oggi siamo in grado di pianificare un’adeguata prevenzione con una attenta analisi dello stile di vita e con un’efficace diagnosi precoce. In quest’ottica l’ecocolor-doppler ha rivoluzionato il modo e la capacità di fare diagnosi e prevenzione di malattie come l’ictus cerebrale, la rottura di aneurismi dell’aorta addominale, le gangrene ischemiche agli arti inferiori, ed in misura significativa la tromboembolia polmonare. Particolarmente richiesto ed utile, è l’esame delle arterie del collo (in sigla TSA, ovvero tronchi sovra-aortici) indicato per la prevenzione dell’ictus cerebrale ischemico causato da restringimenti (stenosi) di una o entrambi le arterie carotidi o vertebrali. Di seguito una schematizzazione riassuntiva, seppur incompleta, per le possibili indicazioni ad uno esame angiologico:Il controllo nel tempo sarà programmato in base all’esito del primo esame ed all’eventuale persistenza di uno o più fattori di rischio.

Cosa si sente di consigliare alle persone ed ai lettori di Medicina Moderna?

Il primo consiglio che diamo a tutti i pazienti in ambulatorio è di curare l’alimentazione (ricca di vegetali, frutta e verdura di stagione, povera di grassi di origine animale) ma soprattutto di praticare una regolare e costante attività fisica; camminare almeno 20 minuti continuativi tutti i giorni ha un potere preventivo e talvolta terapeutico di inestimabile valore. Ai lettori di Medicina Moderna raccomanderei di eseguire almeno una volta uno ecocolor-doppler dei vasi del collo (TSA) e dopo i 50 anni dell’aorta addominale.


 

©Tratto dal magazine di medicina moderna n. 15

©foto cuore:vivigratis

Social
Altro dal blog
Oltre 60 giocatrici di 6 squadre di diverse categorie (serie B, serie C e serie D calcio femminile) al video “Gioca d’anticipo scendi in campo con la prevenzione” che ora vuole diventare virale
L’importanza della visita genitale nell’uomo per prevenire problemi testicolari in età adulta.
La Casa di cura di Padova potenzia così i servizi interni e ambulatoriali, dotandosi di tecnologie all’avanguardia per la diagnostica e la prevenzione.
Da pochi giorni è operativo in Reparto il dottor Giuseppe Battaglia, già primario a Santorso (VI)
L'ESAME PER IL CHECK-UP COMPLETO DEI VASI VASCOLARI
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico