MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ematologia   Salute e benessere  

Si può trattare l'epatite C con l'ozonoterapia?

Di:
Dott. Giuseppe AMATO

Risponde secondo sua esperienza, l'esperto Dott. Amato


Premesso che nella mia pratica clinica non ho mai visto pazienti con epatite C in fase acuta, ritengo che in tale fase della malattia il paziente debba sottoporsi alla terapia praticate dagli epatologi e universalmente accettate anche se, almeno in linea teorica, l’ozono si potrebbe utilizzare per la sua ben nota azione antivirale.


Personalmente invece, in collaborazione con il prof. Bocci dell’università di Siena, ho trattato numerosi pazienti affetti da epatite cronica postepatite C,  selezionando i pazienti che non avevano risposto alla terapia con farmaci antivirali e/o con interferon (terapie tradizionali) o che non avevano potuto praticare quest’ultima per intolleranza all’interferon stesso (evento tutt’altro che raro).
I pazienti accuratamente selezionati in base ai più noti indici di malattia, in particolare con valori di transaminasi molto elevati da almeno sei mesi, sono stati divisi in due gruppi e sottoposti ad un ciclo di grandi autoemtotrasfusioni ozonizzate prelevando 4 cc di sangue prochilo di peso corporeo e aggiungendo una pari quantità di ml di ozono alla concentrazione di 40 e 70 gamma di ozono per cc.

Lo studio, protrattosi per molti mesi, ha evidenziato la scarsa o nulla efficacia dell’ozono usato al dosaggio più basso mentre con il dosaggio più alto abbiamo ottenuto risultati molto incoraggianti con normalizzazione degli indici umorali valutati.

Da notare che in tutti i pazienti, compresi quelli  in cui gli indici di malattia sono rimasti alterati, vi è stato dopo poche sedute un netto miglioramento della cenestesi (i pazienti si sentono bene) e non si sono riscontrati effetti collaterali degni di nota, pur utilizzando dosaggi di ozono molto elevati, al contrario di quanto avviene con i farmaci tradizionali.


Le sedute sono bi o trisettimanali, durano circa 30 minuti e vengono eseguite durante un primo ciclo di 10-15 sedute e successivamente al ritmo di una seduta di mantenimento al mese per diversi mesi dato che anche in questo caso vale la norma “a malattia cronica terapia cronica”. Il meccanismo d’azione dell’ozono è abbastanza complesso ma semplificando il tutto possiamo dire che il gas ha la capacità di stimolare la produzione endogena dell’interferon; questo funzionerebbe come il farmaco somministrato dall’esterno ma senza i fastidiosi effetti collaterali di quest’ultimo.


Concludendo ritengo di poter dire, pur in presenza di una casistica limitata data la difficoltà di reperire pazienti affetti da epatite cronica postepatitica, che la grande auto emotrasfusione ozonizzata ad alti dosaggi rappresenta un’arma a disposizione dei medici e dei pazienti che ben conoscono i risultati piuttosto deludenti delle altre terapie tradizionali.

giuseppe.amato@medicinamoderna.tv
 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MEDICINA MODERNA
foto: cdn.blogosfere.it

Altro dal blog
Anche i denti da latte si ammalano! Grazie ad un approccio psicologico corretto e ad un ambiente a misura di bambino, è possibile offrire ai piccoli pazienti delle cure non traumatiche e non invasive. È molto importante che questo percorso sia seguito da
L'ozonoterapia è applicabile anche alle donne in gravidanza?
In occasione della Giornata Mondiale delle Epatiti, l'Organizzazione Mondiale della Sanità espone le sue raccomandazioni
RISPONDE IL NOSTRO ESPERTO, IL DOTT. GIUSEPPE AMATO
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico