MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Salute e benessere  

Chi soffre di più il dolore, l'uomo o la donna?

Chi soffre di più il dolore, l'uomo o la donna?

Diversi meccanismi di trasmissione del dolore sono responsabili di sofferenze maggiori in un sesso rispetto all'altro, ora ci sono le prove.

Sembra che il destino della donna sia quello di avvertire più dolore. E non è certo una scusa per essere compatite: si tratta, infatti, di una condizione suggerita ormai da prove scientifiche sempre maggiori.

Parecchie manifestazioni di dolore cronico, ad esempio, si presentano molto più frequentemente nelle donne che negli uomini: la fibromialgia ha un'incidenza di 6 volte maggiore, la cefalea 4 e l’emicrania 3. Esistono poi delle condizioni particolarmente dolorose, quali la dismenorrea e l’endometriosi, che per forza di cose non si verificano nell’uomo.

A quanto pare, sarebbero differenti nella donna e nell’uomo i meccanismi che regolano la trasmissione del dolore, soprattutto a livello della sinapsi. Gli impulsi dolorosi non passano automaticamente, ma vengono in qualche modo “filtrati”. In più, questo meccanismo di controllo è a sua volta influenzato a livello cerebrale dalla sfera emotiva. Si tratta di vere e proprie connessioni neuronali tra l’emotività e il dolore.

È stato dimostrato inoltre che, nella femmina in età fertile, la produzione fisiologica di sostanze analgesiche naturali è altalenante in base alle fasi del ciclo ovarico, motivo per cui la sensibilità al dolore aumenta in certi giorni del mese.

Insomma, la donna ha una predisposizione naturale per il dolore, è scientificamente provato. E se parliamo invece di soglia di sopportazione del dolore, chi vincerà?


Fonte: Corriere della Sera / Neuroscienze
Altro dal blog
Curando le alterazioni nell’organismo anche attraverso lo stile di vita.
INTERVIENE IL NOSTRO SPECIALISTA GIANNIANTONIO CASSISI
INTERVIENE IL NOSTRO SPECIALISTA GIANNIANTONIO CASSISI
RISPONDE IL NOSTRO SPECIALISTA IN REUMATOLOGIA, IL DOTTOR GIANNIANTONIO CASSISI
Il ruolo di una corretta nutrizione non solo come prevenzione di patologie tumorali e infiammatorie, ma anche nel trattamento del paziente oncologico.
Qualunque coppia in attesa ha dei dubbi e delle preoccupazioni sul futuro, soprattutto durante la gravidanza.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico