MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia   Ortopedia-traumatologia e medicina dello sport    Sport  

Spalla Congelata si sblocca in meno di un mese

Dott. Antonello Pannone – Ortopedico e Fisiatra Treviso
Dott. Antonello PANNONE
 07 Febbraio 2013

Spalla Congelata si sblocca in meno di un mese

La capsulite adesiva è come un lucchetto doloroso che impedisce i movimenti della spalla causando dolore e rigidità. Oggi si può evitare la chirurgia.

Oggi si può curare senza sala operatoria.
 
Svegliarsi la mattina e ritrovarsi all’improvviso incapaci di indossare una camicia o una maglia, indossare il reggiseno, portare la mano al portafoglio; impossibilitati a lavarsi i denti o a prepararsi una tazza di caffè. Situazioni normali, quotidiane, che diventano spiacevoli e dolorose, causate da quella che la medicina chiama “capsulite adesiva” e che in gergo chiamiamo “spalla congelata”.

Si tratta di una problematica che disturba molto il paziente è riconducibile ad una rigidità progressiva della spalla (scapola e omero si muovono come un blocco unico), duratura, invalidante e soprattutto dolorosa – spiega il dottor Antonello Pannone - in molte persone c’è la convinzione che il problema sia il dolore e che eliminato quello la spalla rientri nella sua funzione normale. In realtà un antinfiammatorio non è sufficiente”.

Come si spiega questo fenomeno?
Si tratta di una patologia frequente nei diabetici e come complicanza delle periartriti. Tuttavia riguarda moltissime persone di ogni età ed ha origine incerta. La capsula articolare infatti non presenta segni di infiammazione e tuttavia va incontro ad una fibrosi, aumentano cioè alcune cellule dette fibroblasti e miofibroblasti che producono bande fibrose responsabili di retrazione e rigidità della capsula.

Questo crea una situazione invalidante e dolorosa, che per risolversi da sola richiede tempi assai lunghi, anche di mesi.



Quali soluzioni vengo solitamente prospettate?
Le più svariate. Si va dall’agopuntura alla mobilizzazione forzata della spalla. In alcuni casi si interviene chirurgicamente, in anestesia generale, in artroscopia per tagliare la capsula a cui deve seguire comunque la fisioterapia. In questi anni, visitando e curando anche fino a due, tre casi a settimana, ho sviluppato insieme all’equipe di fisioterapisti un protocollo molto efficace con risultati eccellenti. In generale, distinguiamo tra trattamento conservativo e trattamento chirurgico.

Recentemente, al convegno medico tenutosi all’auditorium San Leonardo di Treviso, ha presentato pubblicamente il suo protocollo di cura.
Si tratta di un trattamento semplice e non invasivo, che spesso evita la sala operatoria e privilegia il ruolo attivo del paziente. Per procedere alla diagnosi di capsulite adesiva, comincia con una radiografia alla spalla per escludere altre cause di rigidità. In ambulatorio viene effettuata una infiltrazione di anestetico e cortisone, oppure anestetico e acido ialuronico in caso di intolleranze o idiosincrasie al cortisone. Di seguito comincia la fase riabilitativa. L’esperienza ci dimostra che dopo un mese di trattamento abbiamo guadagnato sia sul dolore che sul movimento.
Social
Altro dal blog
Il chirurgo ha a disposizione un “valido aiuto” che lo agevola specialmente negli interventi più difficili.
Possibilità di pianificare al dettaglio l’intervento e ripresa più rapida i maggiori vantaggi
Dal tessuto adiposo arrivano le nuove biotecnologie per i tendini.
Se il mal di schiena o il dolore cervicale diventa persistente ed invalidante va presa in considerazione la chirurgia mini-invasiva o quella percutanea.
Nel trattamento delle lesioni al legamento crociato anteriore può essere necessario l'intervento chirurgico: scopriamo i benefici e gli aspetti negativi del trapianto.
RISPONDE IL NOSTRO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA, IL DOTT. ANTONELLO PANNONE
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico