MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

La disfunzione del pavimento pelvico

Dott. Fabio Muggia – Ginecologo Laser Vaginale Treviso
Dott. Fabio MUGGIA
 23 Giugno 2018

Stop all'incontinenza

Un problema che colpisce prevalentemente le donne, ma non solo, è che causa diversi imbarazzi. Ma la soluzione esiste

Con l'età e soprattutto in seguito a uno o più parti, si possono verificare importanti alterazioni del pavimento pelvico nella donna a carico di utero, vescica, uretra e vagina, con un impatto sulla funzione urinaria, intestinale e sessuale.

 

I sintomi della disfunzione del pavimento pelvico

Innanzitutto, un senso di pressione e pesantezza in area pelvica. Si può manifestare difficoltà a introdurre un tampone vaginale, ad esempio, o una sensazione di “qualcosa che cade fuori dalla vagina”. Alcune donne riferiscono perdite urinarie involontarie quando tossiscono, ridono o mentre fanno sport. Spesso sono costrette a limitare le loro attività quotidiane e persino i rapporti sessuali. La qualità della vita ne risente enormemente. Purtroppo, poche donne dichiarano apertamente il disagio e richiedono un trattamento quando invece, oggi, abbiamo a disposizione un'ampia scelta di modi per gestire e curare questi disturbi.
 

I disturbi che causano maggiore disagio

Sicuramente l'incontinenza urinaria, che coinvolge circa il 20% delle donne prima dei 55-65 anni, e la metà dai 55-65 anni in poi. Il prolasso, invece, è una condizione in cui gli organi pelvici “scivolano” al di là della loro posizione anatomica. A volte si manifesta in breve tempo ma più spesso un prolasso iniziale diventa di interesse chirurgico solo dopo diversi anni. Circa il 10% delle donne si sottopone a questo tipo di intervento. Spesso, incontinenza e prolasso sono associati, a causa degli inevitabili, fisiologici danni al pavimento pelvico determinati dal parto. Possono peggiorare la situazione anche l'aumento di peso, la tosse cronica, una stipsi severa.
 

La diagnosi

Occorre effettuare una valutazione corretta e completa delle condizioni anatomiche funzionali, tramite una visita ginecologica dedicata a questo tipo di disturbo con accurata anamnesi dei disturbi, esaminazione clinica dedicata ed ecografia per la valutazione morfo-funzionale del pavimento pelvico, meglio se in 3D o 4D – (TLUS – od “ecografia TransLabiale 3D – tridimensionale e 4D – tridimensionale dinamica del Pavimento Pelvico). Alla luce dei dati raccolti, lo specialista proporrà il trattamento meno invasivo possibile, e, comunque, quello che meglio soddisferà le esigenze della donna.


Che opzioni terapeutiche sono generalmente indicate 

Si spazia dalla terapia fisica riabilitativa a varie forme di terapia chirurgica, anche con approccio minimamente invasivo. Il primo approccio, comunque, è sempre riabilitativo e apporta dei benefici anche nel caso in cui sia necessario successivamente intervenire con la chirurgia. Nella fisioterapia riabilitativa, l'impegno domiciliare della paziente rappresenta un fattore importantissimo. Lo stesso vale anche a seguito di un eventuale intervento, ove la paziente dovrà seguire le misure di attenzione indicate dallo specialista.

Social
Dott. Fabio Muggia – Ginecologo Laser Vaginale Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Ginecologia - Ostetricia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Fabio MUGGIA    
Altro dal blog
La diagnosi prenatale comprende indagini strumentali e di laboratorio con la finalità di monitorare il feto sin dalle prime fasi del suo sviluppo fino al parto
Quando c’è difficoltà nel raggiungere il piacere.
Oggi il menarca è considerato normale tra 10 ed i 14 anni, talvolta però subentrano delle problematiche del ciclo, che è bene non sottovalutare.
L'efficacia e la comodità delle nuove spirali a basso rilascio di progesterone.
Tra la popolazione femminile trevigiana, supera il 50% quella in età di menopausa e sono più di 74 mila le donne che la stanno attraversando
Un “fattore invalidante” per la giovane donna, che si allevia altrimenti solo dopo il parto
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico