MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Oculistica   Salute e benessere   Tecnologia  

LA TOMOGRAFIA A COERENZA OTTICA: LA TUA MAPPA RETINICA IN 15 MINUTI

Di:
Dott. Massimo VALENTI

La Tomografia a coerenza ottica

Esame rapido e non invasivo, l'OCT è indicata per pazienti nei quali si sospetti una malattia della cornea, della retina o del nervo ottico.

I moderni OCT sono degli strumenti multifunzionali adatti alla rilevazione di numerose patologie oculari. L'esame è semplice, rapido, non invasivo e non causa nessun disagio al paziente.

 

Cos'è l'OCT e a cosa serve

Per OCT si intende Tomografia a Coerenza Ottica: il principio è quello dell'ecografia, ma anziché onde acustiche viene utilizzato un fascio di luce coerente (laser a bassissima intensità, privo di effetti nocivi) che permette una ricostruzione a strati bidimensionale (tomografie) e tridimensionale dei tessuti. Semplificando, potrebbe essere definita una specie di TC o RM dell'occhio, anche se non vi sono radiazioni. Viene utilizzata per lo studio della macula, del nervo ottico, della cornea e delle strutture angolari del segmento anteriore.
 

In quali casi ne viene consigliata l'esecuzione

È ormai considerato un esame indispensabile nell'indagine di tutte le forme di maculopatie (senile, giovanile), sindromi dell'interfaccia vitreo-retinica, fori e pseudofori maculari, maculopatie tossiche, retinopatia diabetica, corioretinopatia sierosa centrale ed altri distacchi sierosi ed emorragici del neuroepitelio, corioretiniti, edemi maculari di varia natura tra cui quelli conseguenza di trombosi venosa e interventi chirurgici. Il suo ruolo è importante nelle patologie del nervo ottico come il glaucoma in quanto permette la diagnosi e il monitoraggio dell'andamento di tale patologia e dell'efficacia della terapia. Nuovi algoritmi introdotti recentemente permettono anche la misurazione dello spessore delle cellule ganglionari, la cui perdita è legata all'andamento della malattia. Consente di studiare con precisione anche la cornea e la stratificazione della sua struttura, impensabile fino a non molto tempo fa, con possibili applicazioni nella chirurgia della cornea. L'OCT serve anche a misurare precisamente lo spessore corneale, la pachimetria e a quantificare l'ampiezza dell'angolo irido-corneale. I moderni OCT sono degli apparecchi veramente multifunzionali.
 

Come si esegue e quanto dura? 

Si tratta di un esame invasivo?

L'esecuzione è semplicissima e nella grande maggioranza dei casi non è necessaria la dilatazione della pupilla: il paziente appoggia mento e fronte sul supporto dello strumento, questo si allinea con la pupilla e in pochi secondi esegue la scansione della retina o del nervo ottico o della cornea. Il paziente non avverte alcun fastidio. È un esame non invasivo, totalmente innocuo e ripetibile senza alcuna conseguenza.
 

Le donne in periodo menopausale sono maggiormente soggette alla degenerazione maculare senile. Che ruolo diagnostico svolge, in questo contesto, l'OCT? 

La degenerazione maculare senile viene considerata ormai come la più frequente causa di cecità nei paesi industrializzati. Statisticamente, il sesso femminile ne è più colpito, anche per la maggior longevità. In questo caso la valutazione oftalmologica completa accompagnata da un esame OCT della macula può sicuramente contribuire ad una diagnosi precoce di tale patologia invalidante e, nel caso questa fosse presente, permette il monitoraggio nel tempo sia della stessa che della eventuale terapia.

Altro dal blog
Ora è possibile migliorare e correggere un difetto visivo senza chirurgia, grazie all’uso di speciali lenti a contatto gas permeabili che, indossate di notte, rimodellano la superficie della cornea permettendo una visione ottimale di giorno, senza bisogno
Correggono le alterazioni della curvatura corneale e proteggono la cornea sia in pazienti che soffrono di occhio secco sia in caso di cheratocono, cheratoglobo o post chirurgia refrattiva.
I trattamenti laser per le malattie della retina, i casi di glaucoma grave e post cataratta.
In alcune fasi della sua vita, la donna è maggiormente predisposta allo sviluppo di alcune malattie degli occhi.
RIVOLUZIONI CON L’AVVENTO DELL’ERA DIGITALE
Le affezioni del cuoio capelluto generano disagi fisici ma anche psicologici, sia nell'uomo che nella donna. Una diagnosi corretta e una terapia adeguata possono venire in soccorso.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico