MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere   Tecnologia  

Ecografia 3D e 4D: le sue prime foto ricordo

Dott. Vincenzo Tinelli - Ginecologo a Verona
Dott. Vincenzo TINELLI
 27 Ottobre 2017

Ecografia 3D e 4D: le sue prime foto ricordo

Vedere le prime immagini del tuo bimbo in tre dimensioni, e addirittura in movimento, è possibile grazie alle tecnologie ecografiche più recenti.

Scegliere l'ecografia tridimensionale o quadridimensionale significa non solo vedere delle immagini più emozionanti e interattive del feto, ma ha degli indubbi vantaggi anche per quanto riguarda la salute del nascituro.
 

Le ecografie in gravidanza

Il Servizio Sanitario “offre” tre ecografie alle donne in attesa, una per trimestre. Nel primo trimestre si procede all'individuazione della camera gestazionale intrauterina, del sacco vitellino e dell'embrione con battito cardiaco pulsante, un momento molto emozionante per la gestante. Permette, inoltre, di datare la gravidanza valutando accuratamente la crescita fetale. Nel secondo trimestre, tra la 19. e la 22. settimana, l'ecografia serve a esaminare l'anatomia del feto ed eventuali malformazioni congenite. La sensibilità dello screening ecografico delle malformazioni è ad oggi limitata, e varia in base agli organi o apparati indagati, alla competenza dell'operatore, alle apparecchiature impiegate. L'indagine ecografica del terzo trimestre monitora la crescita fetale, la quantità di liquido amniotico e la localizzazione placentare.
 

Quali differenze tra ecografia bidimensionale ed ecografia 3D/4D?

L’ecografia bidimensionale (2D) è la metodica elettiva in gravidanza, in quanto è ampiamente diffusa e ha un basso costo. L’ecografia tridimensionale (3D statica e 4D dinamica) consente un approfondimento della conoscenza dell’anatomia e delle eventuali patologie degli organi o apparati. Con questa metodica si acquisiscono dei volumi che possono essere sezionati, ruotati e manipolati, consentendo delle prospettive di visualizzazione difficilmente ottenibili con la tecnica convenzionale 2D.
 

Vantaggi e controindicazioni

Quando si sospetta una patologia fetale, lo studio 3D è particolarmente utile nello studio dell’encefalo, dello scheletro e del cuore. Quindi abbiamo un’aggiunta di informazioni dettagliate dell’organo da esplorare. Aiuta a valutare lo stato di benessere, a rilevare che il feto sbadiglia, tira fuori la lingua, si tocca e tocca l’ambiente circostante, fa le smorfie dopo l'ingestione di liquido amniotico, apre talvolta gli occhi, risponde agli stimoli sonori e risponde agli stimoli manuali, salta, sorride. La visualizzazione del viso fetale a colori imprime una forte emozione alla gestante e al partner e risulta affascinante anche per noi ecografisti. Non ci sono controindicazioni all’uso del 3D e 4D perché si utilizzano ultrasuoni che sono utilizzati nella pratica ostetrica da oltre trent’anni e non sono stati riportati effetti dannosi, nemmeno a lungo termine, sul feto.
 

Periodo della gravidanza in cui eseguire l’ecografia 3D/4D

In ogni epoca della gravidanza ma particolarmente utile nell’esame del secondo trimestre, nella “morfologica”.
Social
Dott. Vincenzo Tinelli - Ginecologo a Verona
Hai bisogno di un consulto in
Ginecologia - Ostetricia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Vincenzo TINELLI    
Altro dal blog
La diagnosi prenatale comprende indagini strumentali e di laboratorio con la finalità di monitorare il feto sin dalle prime fasi del suo sviluppo fino al parto
E' importante anche per la diagnosi precoce del tumore del corpo dell’utero, tra quelli che con più frequenza colpisce le donne in Italia
Linee guida per capire le differenze e scegliere con più consapevolezza.
Nuove possibilità per le future mamme: test non invasivi, eseguibili precocemente già dal primo trimestre di gravidanza.
Succede frequentemente ma non è una patologia ancora così nota e diagnosticata
Cos’è cambiato dopo la sentenza della Corte costituzionale del 2014, che ha dichiarato l’incostituzionalità del divieto alla fecondazione eterologa.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico