MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bellezza   Chirurgia Estetica  

L'intervento di rinoplastica: alcune paure ingiustificate

Dott Alessandro Morelli Coghi – Chirurgo plastico
Dott. Alessandro MORELLI COGHI
 26 Settembre 2017

L'intervento di rinoplastica: alcune paure ingiustificate

Dal dolore alle cicatrici, dagli impatti sull'estetica del volto a quelli sulla funzione respiratoria, sfatiamo tutti i miti sulla chirurgia del naso.

La rinoplastica è un intervento davvero peculiare, che consente di modificare significativamente il profilo e la dimensione del naso e, di conseguenza, i rapporti anatomici con il resto del volto.
Ancora oggi, è una procedura che spaventa un po’, perché in genere associata a una scarsa prevedibilità del risultato e alla paura di sentire molto dolore.
 

Il primo colloquio con il chirurgo

In realtà, la rinoplastica è un intervento di grande soddisfazione, se programmato con serietà e precisione. Innanzitutto dedico in genere almeno un’ora alla visita, fornendo informazioni sugli elementi salienti dell’intervento, ma soprattutto spiegando nel dettaglio, anche con simulazioni da fotografia, come apparirà il proprio volto dopo operati

E, infatti, è importante che la paziente o il paziente capisca che non ci si deve concentrare unicamente sul naso, ma bisogna pensare come il suo miglioramento possa contestualizzarsi su tutto il volto. Infatti, ogni viso è diverso, e pensare di applicare la stessa tecnica standardizzata per ogni rinoplastica è profondamente sbagliato. Così come per la mastoplastica, la rinoplastica deve essere programmata ed eseguita su misura.

La prevedibilità del risultato, e di conseguenza la soddisfazione del/della paziente, è tanto più alta quanto più tempo si è speso parlando e discutendo insieme al Chirurgo, senza timore di porre troppe domande. Per esempio, i maggiori crucci nelle pazienti di sesso femminile sono la curvatura del gibbo, e la punta troppo globosa. Mentre gli uomini lamentano l’eccessivo volume e la larghezza della piramide nasale.      


L'equivoco della convalescenza

La rinoplastica non è un intervento doloroso. Il decorso è in genere bene accettato, e gli unici fastidi sono rappresentati dalla presenza dei tamponi endonasali, che sono comunque rimossi dopo qualche ora, dal mantenimento per 10-12 giorni della medicazione sul dorso del naso, e da un gonfiore nella regione sottopalpebrale, che in genere scompare dopo 7-10 giorni. La mancanza di dolore è dovuta alla evoluzione delle tecniche, che prevedono un sempre maggiore rispetto dell’anatomia strutturale del naso. 

Anche se da subito è evidente il cambiamento, il naturale edema postoperatorio può impiegare qualche settimana a risolversi completamente. 
 

Il naso: oltre l'estetica

Il naso, oltre all’indubbio valore estetico, ha anche una grande rilevanza funzionale, essendo parte essenziale dell’apparato respiratorio nonché sede di ricezione degli stimoli olfattivi.

La rinoplastica può infatti essere non solo estetica, ma anche funzionale o, ancor meglio, morfo-funzionale. Con questi termini, si intendono gli interventi che sono mirati non solo al miglioramento della fisionomia del naso, ma anche alla correzione delle numerose condizioni patologiche di cui può soffrire l’anatomia del naso esterno o di quello interno, responsabili solitamente di un deficit respiratorio nasale.
 

La chirurgia funzionale ed estetica del naso

La chirurgia funzionale ed estetica del naso ha raggiunto, soprattutto nell’ultimo decennio, un tale affinamento da garantire uno standard di risultati chirurgicamente molto buoni, se non ottimi. Il buon esito della rinoplastica dipende non soltanto dall’abilità tecnica del chirurgo, ma anche dalle implicazioni psicologiche del paziente legate all’ambiente in cui vive, dove il giudizio degli altri assume importanza preminente. La rinoplastica è comunque un intervento chirurgico molto complesso, che comporta cambiamenti tali della morfologia del naso interno ed esterno che possono modificare l'aspetto del volto, oltre che migliorare la respirazione

L’indicazione all’intervento di rinosettoplastica funzionale si pone nella scoliosi della piramide nasale, nel naso a sella, nelle malformazioni delle cartilagini alari e triangolari con conseguente alterazione della dinamica respiratoria, nelle deviazioni del setto nasale associate ad ipertrofia dei turbinati inferiori, e in tutte quelle patologie esteticamente poco rilevanti, ma che condizionano la corretta respirazione.
 

L'esecuzione dell'intervento

Dal punto di vista della metodica chirurgica, personalmente prediligo la cosiddetta rinoplastica aperta (open), per via del migliore accesso alle strutture del naso e alla migliore visuale della anatomia del setto e dei vestiboli narinali.
 

L'assenza di cicatrici

La cicatrice esterna che deriva da questo accesso è veramente inconsistente e appena percettibile a distanza di pochi mesi.
Va poi sottolineato che, come ogni altro intervento chirurgico, possono esserci alcune complicanze, dalle più banali ad altre più complesse. Tuttavia, mantenere un colloquio costante con il proprio chirurgo e seguire le indicazioni post operatorie alla lettera rende la necessità di un reintervento correttivo inferiori al 3-4%.
Social
Dott Alessandro Morelli Coghi – Chirurgo plastico
Hai bisogno di un consulto in
Chirurgia Plastica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Alessandro MORELLI COGHI    
Altro dal blog
Le macchie scure sul volto necessitano di un trattamento idoneo, su indicazione dello specialista
Efficace alternativa alla chirurgia estetica tradizionale, i fili di sospensione rappresentano un'azione soft per una ridefinizione naturale della pelle del volto e del collo.
Il lifting interviene sulle imperfezioni del viso e del collo per dare un aspetto naturale, giovane e curato al volto femminile e maschile. La tecnica di lifting tradizionale prevede piccole incisioni in zone nascoste della cute.
Una tecnica molto “delicata” per cui nel post-operatorio il gonfiore intorno al naso è molto limitato e scompare dopo pochi giorni.
Tra le possibili cause si possono individuare infiammazioni acute, allergie e malformazioni congenite.
Chi decide di sottoporsi a un intervento di rimodellamento del naso, lo fa in genere per ragioni estetiche o per disturbi della funzionalità respiratoria.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico