MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bellezza   Chirurgia Estetica  

Mastoplastica additiva: un intervento su misura per te

Dott. Alessandro Ranieri – Chirurgo Plastico
Dott. Alessandro RANIERI
 02 Dicembre 2015

Personalizzazione e sicurezza sono le nuove parole d'ordine della chirurgia estetica. Il Dott. Ranieri spiega come le protesi si adattano alle tue esigenze.

Perché oggi si parla di “personalizzazione” nell’intervento di mastoplastica additiva? Si parla di personalizzazione del risultato poiché oggi abbiamo a disposizione 180 misure di protesi diverse, per ottenere il riempimento più adeguato e naturale per ciascuna paziente, a seconda della struttura anatomica della stessa. Basti pensare che fino a pochi anni fa avevamo a disposizione solamente una decina di protesi diverse tra loro per forma e volume, quindi i risultati erano sicuramente più stereotipati e simili tra loro.

Come avviene la scelta delle protesi? La scelta delle caratteristiche essenziali della protesi viene predeterminata ambulatorialmente con la paziente in base alle sue esigenze, sebbene poi la misura definitiva venga scelta in sala operatoria in base alle effettive “misure anatomiche” della tasca protesica (ossia dell’alloggiamento mammario per la protesi). «Si tratta di personalizzare il risultato come se si eseguisse un “abito su misura”» .

È possibile scegliere la taglia che si desidera? Sì, è possibile comunque predeterminare quale sarà la forma e la taglia del seno con una simulazione ambulatoriale che permette di dare alla paziente un’idea di quale sarà il risultato visibile, da vestita, in seguito all’intervento.

In sintesi, quali sono le novità migliorative di questi ultimi anni? Le migliorie ottenute in questi ultimi anni riguardano l’evoluzione delle tecniche chirurgiche ed anestesiologiche che hanno permesso di diminuire i tempi operatori ed i conseguenti tempi di recupero dopo l’intervento. Ora gli interventi sono eseguibili in regime di day hospital, con ricovero previsto in giornata o con massimo una notte di permanenza in clinica. Le migliorie relative al lato chirurgico inoltre hanno permesso di diminuire per la paziente lo stress fisico legato alla tecnica chirurgica meno traumatica: oggi è sufficiente eseguire una piccola cicatrice di 4-5 centimetri in corrispondenza del bordo dell’areola o del solco sotto mammario, e così di rendere minimi il dolore e il gonfiore post operatorio.

Oltre alla possibilità di avere un risultato finale personalizzato e quindi più naturale, anche le protesi hanno avuto un forte miglioramento tecnologico: È vero che ora sono molto più durature? Le protesi mammarie hanno fatto un passo in avanti in quanto a tecnologia di produzione, rendendole sempre più sicure e maneggevoli. Alcune case produttrici offrono anche la possibilità di avere una garanzia a vita contro la rottura spontanea della protesi stessa. In questo modo non sono più necessari gli interventi di sostituzione delle protesi, che normalmente venivano eseguiti a distanza di 10-15 anni dall’intervento primario di mastoplastica additiva.


Vuoi contattare il Dott. Ranieri? Puoi scrivere a: alessandro.ranieri@medicinamoderna.tv
Social
Altro dal blog
Le garanzie delle moderne tecniche di chirurgia estetica: un risultato naturale, protesi garantite a vita, nessun rischio per gravidanze future.
Le attività quotidiane possono essere riprese subito dopo mastoplastica o mastopessi. La pratica di tutti gli sport può ricominciare dopo pochi giorni.
Chi desidera sottoporsi al rimodellamento del seno ha spesso dei dubbi in merito alla sicurezza delle protesi e alla polizza di garanzia a vita.
Migliorare l'estetica del seno è possibile, per tornare a piacersi dopo allattamento, dimagrimento o in caso di seno troppo piccolo.
L’impianto di una protesi peniena consente riabilitazione sessuale del paziente affetto da disfunzione erettile grave nei casi non responsivi alla terapia orale e locale.
L'équipe di medicina fisica e riabilitazione a Casa di Cura Villa Maria è preparato alla gestione di pazienti con amputazione sia dal punto di vista fisico-riabilitativo che psicologico.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico